Navigation

Quel che resta sulle piste da sci in estate

Lo scioglimento della neve sulle piste da sci dove migliaia di persone si sono divertite per tutto l'inverno porta alla luce tutto quello che hanno gettato... o perso: carta, mozziconi, plastica, ma anche telefonini e portamonete giacciono sull'erba. Diverse stazioni sciistiche svizzere effettuano così vere e proprie giornate di raccolta dei rifiuti.

Questo contenuto è stato pubblicato il 09 giugno 2019 - 16:02
tvsvizzera.it/fra con RSI
Contenuto esterno


Sono una ventina quelle che partecipano all'iniziativa della Summit FoundationLink esterno, da Hasliberg nell'Oberland bernese fino ad Airolo in Ticino (appuntamento per il 31 agosto), passando per la vodese Gryon e le vallesane Nendaz e Zinal, per non citarne che alcune.

Sono invitati a partecipare anche famiglie ed escursionisti, oltre a chi questa spazzatura l'aveva gettata. La fondazione, mette a disposizione tutto il necessario, a partire dai sacchi. A Champoussin il partner locale ha offerto anche colazione e pranzo. Le pulizie si erano già svolte in parte in primavera, fra aprile e maggio, ma in alcuni casi si protrarranno fino all'autunno.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.