Navigation

Da galleria di servizio a laboratorio per la geotermia

Un tunnel creato come galleria di servizio duranti i lavori della galleria ferroviaria del Furka potrebbe essere presto trasformato in un laboratorio del Politecnico federale di Zurigo. L'approfondimento della trasmissione "il Quotidiano".

Questo contenuto è stato pubblicato il 18 settembre 2018 - 20:21
tvsvizzera.it/Zz con RSI (Il Quotidiano del 18.09.2018)
Contenuto esterno



Le montagne svizzere sono piene di tunnel, ora in disuso, scavati già dall'inizio dell'Ottocento come gallerie di servizio per altre opere, ferroviarie, stradali, militari o per l'industria idroelettrica. 

Uno di questi sbuca in Valle Bedretto, nel cantone TIcino, ed è stato creato per la rimozione del materiale dagli scavi della galleria ferroviaria del Furka. 

Nella valle a più riprese si è pensato di trasformarlo in uno sbocco ferroviario che collegasse Ticino e Vallese, ma le idee sono rimaste tali. 

Il Politecnico federale di Zurigo ha però messo gli occhi sul traforo abbandonato. Il luogo è infatti ideale per portare avanti nelle migliori condizioni gli studi sulla geotermia, fonte di energia che secondo gli obiettivi della Confederazione dovrà garantire entro il 2050 il 7% del consumo di elettricità della Svizzera. 

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.