Ricambio generazionale Medici di famiglia, una specie in estinzione

Di Paola Santangelo e Aron Anselmi, Falò RSI
Medici di famiglia in Piazza federale a Berna per manifestare contro le cattive condizioni di lavoro

14 anni fa i medici di famiglia protestarono a Berna contro le loro cattive condizioni lavorative con la conseguente diminuzioni degli stessi medici generici. Ora la situazione si fa ancora più grave.

Keystone / Yoshiko Kusano

I medici di famiglia lanciano un allarme: sono sempre più anziani e il ricambio generazionale è sempre più difficile, soprattutto nelle zone periferiche.

In Ticino un camice bianco su cinque è in età di pensione: tra pochi anni la situazione sarà esplosiva. Tra le ragioni di questa penuria, il fatto che i giovani si orientino maggiormente verso la medicina specialistica, molto più remunerativa.

Aprire un proprio studio o rilevarne uno ha invece alti costi iniziali e responsabilità che sempre in meno vogliono, anche perché la tendenza è lavorare a tempo parziale, soprattutto tra le donne. Eppure, i medici di famiglia sono il pilastro del nostro sistema sanitario e con il propagarsi della pandemia la loro presenza si è confermata fondamentale.

Intanto, mentre la classica medicina di territorio perde terreno, avanzano i cosiddetti “centri medici”. Si tratta di poliambulatori privati che riuniscono sotto un’unica gestione amministrativa medici di base e specialisti. Un ampliamento dell’offerta sanitaria, con relativi pregi e difetti.

Le telecamere di Falò, la trasmissione di approfondimento della RSI, sono entrate negli studi medici - prima e dopo la pandemia - per registrare le difficoltà e le speranze di una categoria sotto pressione. Allo studio ci sono misure per rinfoltire le fila, ma i diretti interessati sembrano molto disillusi. Quale sarà allora il futuro della medicina di territorio? Guardate la trasmissione:

tvsvizzera.it/fra con RSI



Desiderate ricevere ogni settimana una selezione di nostri articoli? Abbonatevi alla newsletter gratuita.


Parole chiave