Navigation

Quella Svizzera dietro all'accordo "iraniano"

Un accordo storico. Un errore storico. L'intesa sull'Iran non potrebbe essere più controversa. Ma tutti d'accordo sul lavoro svolto dientro le quinte dalla Confederazione

Questo contenuto è stato pubblicato il 03 aprile 2015 - 20:21

Con l'accordo di giovedì sera a Losanna, l'Iran dunque rinuncia a una parte importante del proprio programma nucleare, dimezzando di fatto la proprio capacità di arricchimento dell'uranio. In cambio ottiene un progressivo allentamento delle sanzioni economiche. L'accordo fra le potenze occidentali e Teheran - da perfezionare entro la fine di giugno - ha però diviso la diplomazia internazionale fra entusiasmo, prudenza e timori.

Una cosa sulla quale tutti sembrano in ogni caso essere d'accordo è l'ottimo lavoro che ha svolto la Svizzera per favorire il dialogo fra l'Iran e le grandi potenze. Molti meriti vanno in particolare a Losanna e alla sua grande tranquillità. Massimo Isotta

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.