Navigation

Quanto interesse per i corsi di soccorso in caso di valanga

Sempre più persone in Svizzera si iscrivono a corsi sulla prevenzione del pericolo valanghe. Secondo il Club alpino svizzero il numero di partecipanti è esploso: addirittura del 70% negli ultimi 10 anni.

Questo contenuto è stato pubblicato il 04 febbraio 2019 - 08:38
tvsvizzera.it/fra con RSI
Contenuto esterno


Il fascino della montagna attira sempre più persone a sciare fuori pista. Scelta che può esporre al rischio di rimanere travolti.

I corsi iniziano prima di mettere gli sci, perché le uscite vanno pianificate: bisogna sapere quale percorso si seguirà e come evolveranno la meteo e il pericolo slavine. Solo allora si è pronti per partire.

"Ogni secondo può essere decisivo, se qualcuno è sotto la neve - afferma la guida alina di davos Stefan Bodenmann mentre sprona il suoi allievi a scavare più in fretta. "Il tempo stringe! Dovete avanzare, dopo 15 minuti potrebbe già essere troppo tardi".

Importante è anche imparare a "leggere" le situazioni nella neve. “Qual è la pendenza qui? - chiede Bodenmann dalla cima di una discesa - Come la stimate? 25 gradi? In verità si tratta di una parete con una pendenza di 30 gradi: da qui via siamo in zona valanghe”.

E se la valanga dovesse staccarsi, ecco che allora bisogna aprire il sacco e usare gli apparecchi di ricerca per localizzare chi è rimasto sotto e naturalmente la pala per cercare di liberarlo. "Se non si è preparati per montare l'attrezzatura e poi si è in emergenza, allora diventa dura", fa notare la guida. Dura anche perché le cose da imparare durante un corso sulle valanghe sono davvero molte.

Forse la cosa più facile da fare, proprio per evitare di dover usare quanto appreso durante questi corsi, sarebbe di imparare a godersi la bellezza della neve senza rischiare troppo.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.