Navigation

L'amministrazione svizzera è sempre meno italofona

La percentuale di italofoni nel personale dell'amministrazione federale si attesta nel 2018 al 6,6%, in diminuzione rispetto al 7% dei tre anni precedenti. Benché superiore alla quota minima auspicata del 6,5%, nella maggior parte dei Dipartimenti la percentuale di chi parla l'italiano è ancora più bassa.

Questo contenuto è stato pubblicato il 19 marzo 2019 - 10:48
tvsvizzera.it/Zz/ats con RSI ( TG del 18.03.2019)
Contenuto esterno


"La Confederazione provvede a un'equa rappresentanza delle comunità linguistiche nelle autorità federali". Così recita la legge sulle lingue nazionali Link esternoentrata in vigore il 1 gennaio 2010. Tuttavia, il numero di italofoni è in diminuzione nell'amministrazione federale. 

Dal 2015 al 2017 la loro quota è rimasta stabile al 7%, ma nel 2018 si è abbassata al 6,6%. Secondo i dati più recenti dell'Ufficio federale di statistica (Ust), l'italiano è la lingua principale per l'8,2% della popolazione. 

Contenuto esterno

I francofoni che lavorano nell'amministrazione sono in aumento, al 22,1% (21,7% nel 2017), mentre i romanci sono rimasti pressoché stabili allo 0,4% (0,3% nel 2017). I germanofoni sono il 70,8% del totale, anche loro in diminuzione dal 71% del 2017 e il 71,4% del 2015. 

Secondo il rapporto sulla gestione del personaleLink esterno adottato la scorsa settimana dal governo, il tasso del 6,6% di italofoni raggiunge comunque i valori di riferimento (obiettivi della Strategia per il personale 2016-2019Link esterno), fissati per questa lingua tra il 6,5% e l'8,5%. 

Anche la quota di francofoni è all'interno dei rispettivi valori di riferimento (21,5% - 23,5%), mentre quella dei tedescofoni è leggermente al di sopra (valori di riferimento per il tedesco: 68,5% - 70,5%). Il personale di lingua romancia, invece, è al di sotto (valori di riferimento per il romancio: 0,5%-1%).

Tuttavia, se si guarda alla distribuzione di italofoni nei vari Dipartimenti, la situazione è meno rosea per chi si esprime principalmente nell'idioma del Belpaese. 

Si nota infatti un'alta concentrazione di personale di lingua italiana nella Cancelleria federale, dove si trovano i servizi linguistici centrali (che devono tradurre i documenti ufficiali nelle lingue nazionali) e nel Dipartimento federale delle finanze, da cui dipende l'Amministrazione federale delle dogane, caratterizzata da un numero importante di italofoni (l'Italia è il paese con il quale la Svizzera condivide il confine più lungo). Nel resto dei dipartimenti la loro quota è al di sotto dei valori di riferimento.   

Contenuto esterno


Un rapporto dettagliato sulla situazione, stilato dalla delegata per il plurilinguismo Nicoletta Mariolini, è atteso forse entro la fine di quest'anno. I promotori dell'italianità lo attendono con impazienza e intanto chiedono a gran voce che si faccia qualcosa per rinforzare l'italiano nell'amministrazione federale, resta da vedere se qualcuno capirà quello che dicono.


Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?