Navigation

La telesorveglianza riduce le ospedalizzazioni

Keystone / Alessandro Della Valle

Sorvegliare i pazienti Covid a distanza, nelle loro abitazioni, per ridurre le ospedalizzazioni, alleggerire il personale medico e ridurre i costi della salute. E anche per il benessere del paziente.

Questo contenuto è stato pubblicato il 04 dicembre 2020 - 21:35

Quello della telesorveglianza è stato un metodo introdotto nel Canton Ticino con successo. Per questo motivo i "senatori" ticinesi a Berna, Marina Carobbio e Marco Chiesa hanno inoltrato un’interpellanza urgente affinché questa strategia possa essere utilizzata anche nel resto della Svizzera.

“Circa 250 pazienti positivi colpiti da sintomatologie leggere ma con un rischio residuo di peggioramento o facenti parte di gruppi a rischio sono stati monitorati. A quanto è dato a sapere il 10% di queste persone è stato ospedalizzato a causa di un aggravamento della loro situazione mentre il 97% ha dichiarato che la telesorveglianza li ha notevolmente rassicurati. I parametri vitali monitorati sono la saturazione dell’ossigeno nel sangue e la frequenza cardiaca”. Così spiegano nell'interpellanza i vantaggi della telesorveglianza i due senatori ticinesi che non parla a caso: la prima di professione è medico, il secondo è stato per anni attivo come dirigente nella sanità.

Vediamo allora come funziona nel servizio del telegiornale:

Contenuto esterno


tvsvizzera.it/fra con RSI


Contenuto esterno


Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.