Navigation

Lotta al terrorismo, il governo vuole misure più incisive

Contenuto esterno


Questo contenuto è stato pubblicato il 08 dicembre 2017 - 20:36
tvsvizzera.it/Zz con RSI (TG del 08.11.2017)

Sul fronte della lotta al terrorismo la polizia deve poter disporre di maggiori strumenti per contrastare, al di fuori di un procedimento penale, le persone potenzialmente pericolose. È l'opinione governo svizzero che presentato venerdì un progetto preliminare di legge. Fra le misure previste vi è la possibilità di pronunciare il divieto di lasciare il domicilio.


La nuova legge federale sulle misure di polizia per la lotta al terrorismo (PMT) integra il Piano d'azione nazionale, laddove le misure di prevenzione di quest'ultimo non risultino sufficienti, in particolare nella fase iniziale della radicalizzazione e dopo l'esecuzione della pena.

Le nuove misure, ha spiegato responsabile del dipartimento di giustizia e polizia giustizia Simonetta Sommaruga, possono essere adottate quando si presume che una persona rappresenti una minaccia, ma gli indizi non sono sufficienti per giustificare l'apertura di un procedimento penale.

Per spiegarsi meglio, la ministra ha fatto un esempio concreto: "in Svizzera ci sono tre iracheni condannati per sostegno all'Isis, che nel frattempo però sono a piede libero. Con le nuove norme sarà possibile prendere misure contro queste persone, contro le quali non è in corso alcun procedimento, ma per le quali esiste un rischio di recidiva e possono essere considerate pericolose".

Sono previsti in particolare interventi quali l'obbligo di presentarsi regolarmente presso un posto di polizia, il divieto di lasciare il Paese e il conseguente sequestro del passaporto o della carta d'identità, il divieto di avere contatti e il cosiddetto divieto di lasciare e di accedere ad aree determinate.

Le autorità "devono poter meglio agire anche su Internet, ad esempio infiltrandosi in una chat senza per forza doversi identificare, come già viene fatto con i pedofili", ha detto Sommaruga.


L'avamprogetto introduce un nuovo motivo di incarcerazione per gli stranieri radicalizzati. Keystone



Divieto di lasciare il domicilio

Come ultima ratio, e solamente contro le persone particolarmente pericolose, è prevista la possibilità di pronunciare un divieto di lasciare il domicilio. Questa misura, oltre all'autorizzazione dell'Ufficio federale di polizia (Fedpol), necessita anche dell'approvazione di un'autorità giudiziaria. "Questa è la più grande limitazione della libertà che si può intraprendere al di fuori di un arresto", ha sottolineato Sommaruga.

Nel caso di stranieri radicalizzati, l'avamprogetto introduce un nuovo motivo di incarcerazione: chiunque minacci la sicurezza interna o esterna della Svizzera può essere posto in detenzione per poter garantire l'esecuzione dell'espulsione.

"Le misure saranno efficaci e mirate contro persone sospette e assolutamente non generiche o contro interi gruppi di persone", ha rassicurato la ministra. Per farsi un'idea dell'ordine di grandezza del disegno, la direttrice della Fedpol Nicoletta Della Valle, ha spiegato che nella Confederazione ci sono al momento 100 persone considerate a rischio e, fra queste, circa 10 o 20 potrebbero essere interessate dalle novità.

Contenuto esterno


Esplosivi

Il governo ha inoltre presentato un avamprogetto di legge teso a limitare l'accesso a sostanze chimiche che possono essere utilizzate facilmente per scopi terroristici e possono arrecare grossi danni. Si tratta nello specifico dei cosiddetti precursori che possono essere impiegati per la preparazione di sostanze esplosive e sono contenuti ad esempio nei fertilizzanti, in prodotti per la pulizia delle piscine o nei diserbanti. Ma li si trova anche in farmacia. 


Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.