Navigazione

Saltare la navigazione

Sotto-siti

Funzionalità principali

Negozi, no a orari prolungati

Per il Consiglio degli Stati, non serve armonizzarli a livello nazionale: il problema ticinese degli acquisti all'estero può essere risolto "in casa"

Il Consiglio degli Stati ha bocciato di misura giovedì, 19 voti a 18, una mozione del ticinese Filippo Lombardi per armonizzare a livello nazionale gli orari d'apertura dei negozi.

L'idea era di varare una nuova Legge federale che prevedesse l'apertura, in tutta la Svizzera, dalle 6 alle 20 tra lunedì e venerdì e dalle 6 alle 18 il sabato.

I "senatori" hanno però deciso di non entrare in materia: per la maggioranza di essi non è necessario esportare il problema ticinese degli acquisti all'estero anche agli altri cantoni. Le leggi federali, è stato inoltre detto, consentono al Ticino di modificare da solo gli orari, adeguandoli a quelli italiani.

Lombardi si è detto deluso dal voto, ma è convinto che la sua proposta passerà l'esame del Consiglio nazionale. In tal caso, il testo tornerà agli Stati.

Horizontal line TVS

Horizontale Linie


subscription form

Abbonamento alla newsletter

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

Neuer Inhalt

Facebook Like-Box

×