La televisione svizzera per l’Italia

‘ndrangheta, indagate tre persone residenti in Svizzera

Due veicoli della polizia in centro a Zurigo.
Perquisizioni a Zurigo, Berna e Turgovia. keystone

L'Antimafia di Catanzaro chiede assistenza giudiziaria a Berna nell'ambito di un'indagine sulla cosca Maiolo, perquisizioni a Zurigo, Berna e Turgovia.

Tre persone residenti in Svizzera sono finite nell’inchiesta che venerdì ha portato a 14 arresti in Calabria. Per loro l’antimafia di Catanzaro ha chiesto assistenza giudiziaria. Al momento sono indagate ma non sono state sottoposte a misure restrittive.

Il servizio del TG

Contenuto esterno

Il blitz, ordinato dalla Direzione distrettuale antimafia di Catanzaro, è scattato all’alba di oggi. Oltre 200 carabinieri hanno portato in Italia all’arresto di 14 persone, una ai domiciliari, 26 in tutto le persone indagate. Sono accusate di una lunga lista di capi di accusa, tra gli altri: associazione armata di tipo mafioso, omicidio plurimo, concorso esterno in associazione mafiosa.

Sfruttavano il “brand Calabria” per attività criminali

L’inchiesta si è concentrata sulla ‘ndrina Maiolo, radicata nella provincia di Vibo Valentia, una cosca all’origine della cosiddetta “strage dell’Ariola” del 2003 che prende il nome dal locale di ‘ndrangheta dell’Ariola, accertato in vari altri procedimenti penali italiani. Tra i più noti vi sono “Luce nei boschi”, “Conflitto” e “Crimine”.

Un servizio di Falò sulla ‘ndrangheta in Svizzera

Contenuto esterno

La cosca ha ramificazioni in Abruzzo, Piemonte e anche Svizzera. Al centro dell’inchiesta i fratelli Maiolo che, “grazie alla creazione di una serie di società per l’import/export di prodotti enogastronomici, nascondevano la reale attività del gruppo criminale nel settore delle armi, delle estorsioni e del narcotraffico”. In sostanza, secondo gli inquirenti, sfruttavano la pubblicizzazione positiva del “brand Calabria” per portare avanti i loro affari illeciti.

Tre persone residenti in Svizzera nel mirino

In Svizzera – stando a nostre informazioni – risiedono tre persone coinvolte nel procedimento italiano. I tre non sono destinatari della misura cauterale, ma le autorità italiane hanno richiesto assistenza giudiziaria alla Svizzera per le loro attività.

Una di queste persone è residente nel canton Berna e possiede un ristorante a Bienne. Come leggiamo nelle oltre 1’200 pagine dell’inchiesta, “costituiva – per gli inquirenti – un solido e fidato punto di riferimento del gruppo, quale rappresentante degli interessi di uno dei boss della cosca in Svizzera, principalmente per quanto concerneva l’individuazione di clienti disponibili ad acquistare da lui prodotti reperiti in Calabria o Piemonte e successivamente trasportati in Svizzera.”

Altri sviluppi
poliziotti

Altri sviluppi

Maxi operazione contro la ‘ndrangheta

Questo contenuto è stato pubblicato al Una delle più grandi operazioni conto la ‘ndrangheta mai organizzate a livello internazionale ha portato all’arresto di decine di persone e al sequestro di 3 tonnellate di cocaina.

Di più Maxi operazione contro la ‘ndrangheta

L’uomo, classe 1986, avrebbe anche favorito alcuni membri del gruppo criminale in occasione di una rapina perpetrata nella provincia di Novara nel 2017, fornendo agli autori – che avrebbero raggiunto l’Italia dalla Svizzera – un falso alibi ai Carabinieri di Verbania. Il 38enne era già citato in un’altra inchiesta italiana precedente, dove veniva ricostruita l’intimidazione al sindaco del comune di Arena, in Calabria, quando, nel 2009 fu fatta esplodere la sua autovettura. 

L’altra persona nel mirino della giustizia italiana è residente nel canton Zurigo. L’uomo, classe 1984, avrebbe invece un’azienda interinale la cui sede principale è nel canton San Gallo. La DDA di Catanzaro ha evidenziano come questa società di collocamento sarebbe stata “messa a disposizione della criminalità organizzata calabrese per assumere o far assumere gli appartenenti al sodalizio criminale.”

Alcuni sodali del gruppo infatti (certi anche con attività di favoreggiamento alle spalle) avrebbero ottenuto diversi permessi B per risiedere nella Confederazione. 

Infine tra le carte spicca l’assunzione nella società interinale del nipote di uno dei più noti elementi di vertice della cosca dei Pelle di San Luca, una cosca coinvolta anche nella famigerata strage di Duisburg. L’uomo – classe 1986 – che avrebbe nel frattempo ottenuto un passaporto elvetico, e residente anch’egli nel canton Zurigo, è conosciuto dalle autorità italiane per un precedente traffico di stupefacenti nel 2018.

Sei perquisizioni in Svizzera

Da noi contattato il Ministero pubblico della Confederazione conferma la collaborazione con le autorità italiane. “Il 21 giugno scorso – spiega alla RSI la Procura elvetica – sono state eseguite sei perquisizioni domiciliari sotto la direzione del MPC da parte di fedpol e delle polizie cantonali di Zurigo, Turgovia e Berna”.

Non sappiamo se al momento queste tre persone siano indagate nella Confederazione. In Svizzera, tuttavia il procedimento penale è ancora in corso. Su tutte le persone coinvolte vige naturalmente la presunzione d’innocenza.

Altri sviluppi
La stazione di Lamone-Cadempino.

Altri sviluppi

La rete calabrese con le maglie in Ticino

Questo contenuto è stato pubblicato al Un’operazione condotta dai carabinieri – con forti legami con la Svizzera – ha portato all’arresto di 31 persone, tutte legate alla ‘Ndrangheta.

Di più La rete calabrese con le maglie in Ticino

Attualità

Soccorritori a bordo del fiume dove sono scomparsi i due bus.

Altri sviluppi

Due bus travolti da una frana in Nepal, 66 persone disperse

Questo contenuto è stato pubblicato al Due autobus su cui viaggiavano 24 e 42 persone sono improvvisamente stati travolti da una frana e sono precipitati in un fiume. L’incidente è avvenuto venerdì a Simaltal, a circa 120 chilometri a ovest della capitale del Nepal, Kathmandu.

Di più Due bus travolti da una frana in Nepal, 66 persone disperse
L'impalcatura crollata.

Altri sviluppi

Crolla un’impalcatura a Prilly vicino a Losanna, morte tre persone

Questo contenuto è stato pubblicato al Due persone sono morte venerdì mattina nel crollo di un'impalcatura a Prilly, ad ovest di Losanna. Quattro persone sono rimaste gravemente ferite e altre cinque hanno riportato lesioni minori.

Di più Crolla un’impalcatura a Prilly vicino a Losanna, morte tre persone
Una vettura della polizia di San Gallo.

Altri sviluppi

Un uomo ferisce con un machete cinque persone a San Gallo

Questo contenuto è stato pubblicato al Un uomo di 34 anni ha ferito ieri sera con un machete cinque persone, alcune delle quali gravemente, all'interno e all'esterno di un condominio di San Gallo.

Di più Un uomo ferisce con un machete cinque persone a San Gallo
Il learning center del politecnico federale di Losanna.

Altri sviluppi

Le rette dei politecnici federali triplicheranno per gli stranieri

Questo contenuto è stato pubblicato al Per gli studenti stranieri frequentare i politecnici di Losanna e Zurigo sarà decisamente più caro. Il Consiglio dei Politecnici federali (PF) in accordo con il Parlamento vuole triplicare le tasse di iscrizione.

Di più Le rette dei politecnici federali triplicheranno per gli stranieri
Giorgio Armani.

Altri sviluppi

I novant’anni dello stilista Giorgio Armani

Questo contenuto è stato pubblicato al Nato a a Piacenza nel 1934, Armani è a capo di un gruppo fieramente indipendente, simbolo del made in Italy. Lo stilista italiano è ancora deciso a rimanere alla guida del gruppo, sebbene il momento di lasciare le redini si avvicina sempre di più.

Di più I novant’anni dello stilista Giorgio Armani
Case distrutte in Val Bavona.

Altri sviluppi

Danni per maltempo stimati fino a 200 milioni

Questo contenuto è stato pubblicato al Il maltempo che da metà giugno a inizio luglio si è abbattuto sulla Svizzera, in particolare sul Ticino e il Vallese, ha causato danni assicurati per un totale di 160-200 milioni di franchi.

Di più Danni per maltempo stimati fino a 200 milioni
Tutti gli invitati al vertice della Nato davanti alla Casa Bianca per la foto di rito.

Altri sviluppi

Dalla Nato 40 miliardi di euro in aiuti militari all’Ucraina

Questo contenuto è stato pubblicato al I Paesi della Nato si sono impegnati a dare all'Ucraina almeno 40 miliardi di euro in aiuti militari "entro il prossimo anno" per sostenerla nella guerra contro la Russia.

Di più Dalla Nato 40 miliardi di euro in aiuti militari all’Ucraina
Il ponte distrutto dal maltempo vicino a Cevio in Vallemaggia.

Altri sviluppi

La strategia per meglio allertare la popolazione passa dal telefonino

Questo contenuto è stato pubblicato al La Confederazione ha presentato la sua nuova strategia per informare meglio la popolazione in caso di pericolo. Oltre ai tradizionali allarmi diffusi via app, radio o tramite sirene, in futuro verrà introdotto un nuovo sistema di allerta.

Di più La strategia per meglio allertare la popolazione passa dal telefonino

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Se volete segnalare errori fattuali, inviateci un’e-mail all’indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR