La televisione svizzera per l’Italia

‘ndrangheta, indagate tre persone residenti in Svizzera

Due veicoli della polizia in centro a Zurigo.
Perquisizioni a Zurigo, Berna e Turgovia. keystone

L'Antimafia di Catanzaro chiede assistenza giudiziaria a Berna nell'ambito di un'indagine sulla cosca Maiolo, perquisizioni a Zurigo, Berna e Turgovia.

Tre persone residenti in Svizzera sono finite nell’inchiesta che venerdì ha portato a 14 arresti in Calabria. Per loro l’antimafia di Catanzaro ha chiesto assistenza giudiziaria. Al momento sono indagate ma non sono state sottoposte a misure restrittive.

Il servizio del TG

Contenuto esterno

Il blitz, ordinato dalla Direzione distrettuale antimafia di Catanzaro, è scattato all’alba di oggi. Oltre 200 carabinieri hanno portato in Italia all’arresto di 14 persone, una ai domiciliari, 26 in tutto le persone indagate. Sono accusate di una lunga lista di capi di accusa, tra gli altri: associazione armata di tipo mafioso, omicidio plurimo, concorso esterno in associazione mafiosa.

Sfruttavano il “brand Calabria” per attività criminali

L’inchiesta si è concentrata sulla ‘ndrina Maiolo, radicata nella provincia di Vibo Valentia, una cosca all’origine della cosiddetta “strage dell’Ariola” del 2003 che prende il nome dal locale di ‘ndrangheta dell’Ariola, accertato in vari altri procedimenti penali italiani. Tra i più noti vi sono “Luce nei boschi”, “Conflitto” e “Crimine”.

Un servizio di Falò sulla ‘ndrangheta in Svizzera

Contenuto esterno

La cosca ha ramificazioni in Abruzzo, Piemonte e anche Svizzera. Al centro dell’inchiesta i fratelli Maiolo che, “grazie alla creazione di una serie di società per l’import/export di prodotti enogastronomici, nascondevano la reale attività del gruppo criminale nel settore delle armi, delle estorsioni e del narcotraffico”. In sostanza, secondo gli inquirenti, sfruttavano la pubblicizzazione positiva del “brand Calabria” per portare avanti i loro affari illeciti.

Tre persone residenti in Svizzera nel mirino

In Svizzera – stando a nostre informazioni – risiedono tre persone coinvolte nel procedimento italiano. I tre non sono destinatari della misura cauterale, ma le autorità italiane hanno richiesto assistenza giudiziaria alla Svizzera per le loro attività.

Una di queste persone è residente nel canton Berna e possiede un ristorante a Bienne. Come leggiamo nelle oltre 1’200 pagine dell’inchiesta, “costituiva – per gli inquirenti – un solido e fidato punto di riferimento del gruppo, quale rappresentante degli interessi di uno dei boss della cosca in Svizzera, principalmente per quanto concerneva l’individuazione di clienti disponibili ad acquistare da lui prodotti reperiti in Calabria o Piemonte e successivamente trasportati in Svizzera.”

Altri sviluppi
poliziotti

Altri sviluppi

Maxi operazione contro la ‘ndrangheta

Questo contenuto è stato pubblicato al Una delle più grandi operazioni conto la ‘ndrangheta mai organizzate a livello internazionale ha portato all’arresto di decine di persone e al sequestro di 3 tonnellate di cocaina.

Di più Maxi operazione contro la ‘ndrangheta

L’uomo, classe 1986, avrebbe anche favorito alcuni membri del gruppo criminale in occasione di una rapina perpetrata nella provincia di Novara nel 2017, fornendo agli autori – che avrebbero raggiunto l’Italia dalla Svizzera – un falso alibi ai Carabinieri di Verbania. Il 38enne era già citato in un’altra inchiesta italiana precedente, dove veniva ricostruita l’intimidazione al sindaco del comune di Arena, in Calabria, quando, nel 2009 fu fatta esplodere la sua autovettura. 

L’altra persona nel mirino della giustizia italiana è residente nel canton Zurigo. L’uomo, classe 1984, avrebbe invece un’azienda interinale la cui sede principale è nel canton San Gallo. La DDA di Catanzaro ha evidenziano come questa società di collocamento sarebbe stata “messa a disposizione della criminalità organizzata calabrese per assumere o far assumere gli appartenenti al sodalizio criminale.”

Alcuni sodali del gruppo infatti (certi anche con attività di favoreggiamento alle spalle) avrebbero ottenuto diversi permessi B per risiedere nella Confederazione. 

Infine tra le carte spicca l’assunzione nella società interinale del nipote di uno dei più noti elementi di vertice della cosca dei Pelle di San Luca, una cosca coinvolta anche nella famigerata strage di Duisburg. L’uomo – classe 1986 – che avrebbe nel frattempo ottenuto un passaporto elvetico, e residente anch’egli nel canton Zurigo, è conosciuto dalle autorità italiane per un precedente traffico di stupefacenti nel 2018.

Sei perquisizioni in Svizzera

Da noi contattato il Ministero pubblico della Confederazione conferma la collaborazione con le autorità italiane. “Il 21 giugno scorso – spiega alla RSI la Procura elvetica – sono state eseguite sei perquisizioni domiciliari sotto la direzione del MPC da parte di fedpol e delle polizie cantonali di Zurigo, Turgovia e Berna”.

Non sappiamo se al momento queste tre persone siano indagate nella Confederazione. In Svizzera, tuttavia il procedimento penale è ancora in corso. Su tutte le persone coinvolte vige naturalmente la presunzione d’innocenza.

Altri sviluppi
La stazione di Lamone-Cadempino.

Altri sviluppi

La rete calabrese con le maglie in Ticino

Questo contenuto è stato pubblicato al Un’operazione condotta dai carabinieri – con forti legami con la Svizzera – ha portato all’arresto di 31 persone, tutte legate alla ‘Ndrangheta.

Di più La rete calabrese con le maglie in Ticino

Attualità

La capsula Sarco per l'eutanasia assistita.

Altri sviluppi

Capsula per suicidio Sarco: primo impiego entro l’anno

Questo contenuto è stato pubblicato al Una nuova associazione di aiuto al suicidio, The Last Resort, ha presentato ufficialmente oggi la capsula per suicidio Sarco. Ma polemiche e dubbi non mancano.

Di più Capsula per suicidio Sarco: primo impiego entro l’anno
Veduta del piccolo villaggio di Chaux-du-Milieu

Altri sviluppi

“Troppi bimbi”, stop alle nuove famiglie a Chaux-du-Milieu

Questo contenuto è stato pubblicato al Il piccolo comune neocastellano ha deciso di porre un freno all'arrivo di nuove famiglie sul suo territorio poiché la presenza di molti bambini e bambine sta creando insolubili problemi alle casse pubbliche.

Di più “Troppi bimbi”, stop alle nuove famiglie a Chaux-du-Milieu
Area Schengen in un aeroporto UE.

Altri sviluppi

Frontiere Schengen, 300 milioni dalla Svizzera

Questo contenuto è stato pubblicato al La dotazione globale del fondo per il presidio dei confini UE è di 6,2 miliardi di euro, di cui una cinquantina torneranno nella Confederazione per l'implementazione dei nuovi sistemi di informazione e scambio dati.

Di più Frontiere Schengen, 300 milioni dalla Svizzera
confezioni wegovy ozempic e mounjaro

Altri sviluppi

Iniezioni dimagranti, attesi costi per centinaia di milioni

Questo contenuto è stato pubblicato al Il clamore e la curiosità attorno alle iniezioni per la perdita di peso, destinate in primis ai diabetici, stanno facendo lievitare enormemente i costi sanitari.

Di più Iniezioni dimagranti, attesi costi per centinaia di milioni
veicoli posteggiati

Altri sviluppi

Calano in Svizzera le immatricolazioni di veicoli stradali

Questo contenuto è stato pubblicato al Le vendite di veicoli a motore sono scese in giugno: sono stati immatricolati 33'100 auto, camion, bus e moto, con una flessione del 9% rispetto allo stesso periodo del 2023.

Di più Calano in Svizzera le immatricolazioni di veicoli stradali
zelensky

Altri sviluppi

Kiev apre a un dialogo con Mosca

Questo contenuto è stato pubblicato al Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha aperto la porta a una partecipazione della Russia a un prossimo vertice di pace tra i due Paesi.

Di più Kiev apre a un dialogo con Mosca

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Se volete segnalare errori fattuali, inviateci un’e-mail all’indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR