Navigation

Sciaffusa presenta il suo autobus elettrico

Quando passa dalla stazione del centro, si ricarica in tre minuti. © Keystone / Ennio Leanza

È stato presentato venerdì a Sciaffusa il primo esemplare di una flotta di autobus elettrici a batteria, con i quali la Città intende sostituire gli attuali veicoli diesel. Un investimento da 58 milioni di franchi per una prima svizzera che, assicurano le autorità, farà bene all'ambiente ma anche alle finanze.

Questo contenuto è stato pubblicato il 03 maggio 2019 - 22:55
tvsvizzera.it/ri con RSI (TG del 03.05.2019)

L'ultima parola spetterà ai cittadini, che presto vedranno l'Elektrobus circolare per le strade. Se il prossimo autunno voteranno sì, ne saranno acquistati 50 in pochi anni.

L'obiettivo del Comune è dunque sostituire l'intera flotta, poiché "la mobilità elettrica nei trasporti pubblici ha un senso economico solo se l'infrastruttura per la ricarica delle batterie può essere utilizzata per molti mezzi", spiega il municipale Daniel Preisig.

Sciaffusa pare peraltro predestinata a fare da apripista perché "ha una topografia ideale per il bus elettrico", osserva il direttore dell'azienda dei trasporti cittadina VBSHLink esterno Bruno Schwager. "Tutte le nostre linee compiono un grande 8, passando sempre per il centro". 

Il punto perfetto per la stazione di ricarica. Dove ai nuovi veicoli basterà fermarsi tre minuti.

Contenuto esterno

A fornire veicoli, accumulatori e mezzi di ricarica sarà un'azienda spagnola che conta già tra le sue clienti Madrid, Londra e Amburgo.

L'investimento iniziale è grande, ma secondo le proiezioni già dall'undicesimo anno gli autobus elettrici risultano meno cari di una flotta diesel. Immediati, invece, i vantaggi sul piano ambientale e dell'inquinamento fonico.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.