Navigazione

Saltare la navigazione

Sotto-siti

Funzionalità principali

Mestieri lacustri Draghisti sul Lemano da quattro generazioni

(1)

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Una famiglia che da quattro generazioni trasporta sabbia e ghiaia da un capo all’altro del lago Lemano. Il giornalista della Radiotelevisione svizzera RSI, Massimo Isotta è salito a bordo della chiatta dei René e Olivier Favez, padre e figlio, per assistere a una giornata di lavoro.

Oggi, a Founex, i Favez dragano il fondale per aumentare lo spazio nel porto. Altrove, però, scavano fino a 30 metri di profondità alla ricerca della sabbia e della ghiaia più pregiate per le ditte di costruzioni. Come già faceva il nonno Pierrot, che iniziò questo mestiere nel 1929 con le chiatte a vela.

“Il Lemano scorre nelle nostre vene, per noi è come il sangue”, dice Olivier, ai comandi della scavatrice. “E poi c’è il profondo rispetto per la famiglia e le tradizioni, che in Romandia è molto importante”.

“Mio padre mi ha insegnato tutto sulla navigazione e io ho fatto lo stesso con mio figlio”, ricorda René. “Ma a guidare la scavatrice il più forte è lui”.

Con la sua chiatta, Favez padre ha trasportato in 10 anni tonnellate di materiale. “Il lago è un amico e certe volte gli parlo, alla mattina gli dico: lasciami fare questo viaggio. Ma certe volte il tempo è brutto e lui non mi lascia passare. Non bisogna mai andare contro il lago”.

Il futuro appartiene ora al nipote, Baptiste, che ha già cominciato a navigare su questi giganti del trasporto lacustre.

tvsvizzera.it/ri con RSI (TG del 16.02.2017)

×