Navigation

Coira in lutto per la morte di uno scolaro durante una tradizionale passeggiata

Una grave disgrazia è avvenuta giovedì pomeriggio durante la Maiensässfahrt (salita scolastica ai pascoli maggenghi) di Coira, una tradizione della capitale grigionese. Uno scolaro 14enne è morto dopo essere precipitato per circa 200 metri da un dirupo. 

Questo contenuto è stato pubblicato il 24 maggio 2019 - 15:14
Contenuto esterno


"Non ci sono parole per esprimere il dolore", ha detto il municipale della città di Coira Patrik Degiacomi, che stamattina insieme al sindaco, Urs Marti, e all'altro municipale Tom Leibundgut, ha incontrato i media per riferire sulla disgrazia. Si tratterebbe del primo incidente mortale avvenuto durante la giornata della Maiensässfahrt, una tradizione iniziata nel 1854 nella capitale grigionese e che sempre vissuta e attesa con trepidazione dagli allievi ma non solo. 

L'incidente è avvenuto poco prima delle 17.00: la classe del ragazzo, assieme alle altre del capoluogo grigionese, stava tornando verso la città scendendo da una delle alture. A un certo punto, in una curva, lo scolaro è uscito dal percorso ed è precipitato lungo il pendio sottostante.

Lo scolaro sarebbe caduto nei pressi di questa curva. Polizia cantonale Grigioni


Il medico a bordo dell'elicottero di soccorso della Rega non ha potuto fare altro che constatarne il decesso. Ai famigliari, ai compagni di scuola e agli insegnanti è stata fornita assistenza psicologica. La procura e la polizia cantonale stanno indagando sui fatti.

Le autorità cittadine e scolastiche hanno deciso di portare a termine la tradizionale sfilata per le strade di Coira "nella consapevolezza che circa 2'800 tra bambini e ragazzi e diverse migliaia di genitori erano in città, - si legge in un comunicato odierno del Comune di Coira - si è concluso che una comunicazione tranquilla e ordinata non sarebbe stata possibile. Pertanto, è stato deciso di proseguire il corteo allo scopo di evitare un allarmismo generale e una crescente confusione che avrebbero coinvolto migliaia di persone, compresi bambini piccoli".

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.