La televisione svizzera per l’Italia

Maggior peso al controspionaggio

Il procuratore generale della Confederazione Stefan Blättler
Il procuratore generale della Confederazione Stefan Blättler Keystone / Alessandro Della Valle

La Svizzera deve dare maggior peso alla difesa dallo spionaggio. Ne è convinto il procuratore generale della Confederazione Stefan Blättler. Le minacce sono soprattutto cinesi e russe.

È il pensiero del procuratore generale della Confederazione che ha rilasciato un’intervista alla “Neue Zürcher Zeitung”. Le indagini contro un presunto agente russo, fermato prima della Conferenza di pace sull’Ucraina, non sono un caso isolato, ha sottolineato senza fornire ulteriori dettagli.

Comunicando in modo più aperto le indagini sul presunto agente russo, il Ministero pubblico della Confederazione (MPC) intende dare un segnale: “Non ci possono mettere i piedi in testa”.

Le autorità di sicurezza svizzere hanno fermato un uomo sospettato di essere un agente russo settimane prima della conferenza sull’Ucraina. A riportare il caso sono stati per primi i quotidiani della testata di lingua tedesca Tamedia. Il presunto agente aveva contatti attraverso i quali ha tentato di procurarsi armi e sostanze pericolose in diverse località della Svizzera. Tuttavia, non ci sono indicazioni riguardo a piani per compiere un attentato in Svizzera.

+ Un agente russo è stato arrestato a Berna prima della conferenza di pace

Blättler ha giustificato la cauta comunicazione, affermando che gli interessi coinvolti nei reati contro la sicurezza dello Stato sono diversi da quelli in altri reati. “Se non diciamo nulla, non significa che non facciamo nulla”, ha detto. L’azione penale è un elemento importante del sistema di sicurezza svizzero.

La Svizzera è concettualmente e idealmente ancorata al mondo occidentale e si impegna a rispettare i valori occidentali, ha detto Blättler. “Se questi valori vengono attaccati, ciò deve avere conseguenze anche dal punto di vista del diritto penale”, ha affermato il procuratore generale.

La minaccia resta elevata

La minaccia per la Svizzera derivante dallo spionaggio straniero, in particolare russo e cinese, resta elevata. La più grande minaccia attuale di spionaggio proviene dai servizi segreti russi. La Russia, a livello europeo, dispiegherebbe il maggior numero di dipendenti dei servizi segreti sotto copertura diplomatica proprio in Svizzera. Secondo il SIC, uno dei motivi è che molte organizzazioni internazionali hanno sede in Svizzera.

Attualità

La capsula Sarco per l'eutanasia assistita.

Altri sviluppi

Capsula per suicidio Sarco: primo impiego entro l’anno

Questo contenuto è stato pubblicato al Una nuova associazione di aiuto al suicidio, The Last Resort, ha presentato ufficialmente oggi la capsula per suicidio Sarco. Ma polemiche e dubbi non mancano.

Di più Capsula per suicidio Sarco: primo impiego entro l’anno
Veduta del piccolo villaggio di Chaux-du-Milieu

Altri sviluppi

“Troppi bimbi”, stop alle nuove famiglie a Chaux-du-Milieu

Questo contenuto è stato pubblicato al Il piccolo comune neocastellano ha deciso di porre un freno all'arrivo di nuove famiglie sul suo territorio poiché la presenza di molti bambini e bambine sta creando insolubili problemi alle casse pubbliche.

Di più “Troppi bimbi”, stop alle nuove famiglie a Chaux-du-Milieu
Area Schengen in un aeroporto UE.

Altri sviluppi

Frontiere Schengen, 300 milioni dalla Svizzera

Questo contenuto è stato pubblicato al La dotazione globale del fondo per il presidio dei confini UE è di 6,2 miliardi di euro, di cui una cinquantina torneranno nella Confederazione per l'implementazione dei nuovi sistemi di informazione e scambio dati.

Di più Frontiere Schengen, 300 milioni dalla Svizzera
confezioni wegovy ozempic e mounjaro

Altri sviluppi

Iniezioni dimagranti, attesi costi per centinaia di milioni

Questo contenuto è stato pubblicato al Il clamore e la curiosità attorno alle iniezioni per la perdita di peso, destinate in primis ai diabetici, stanno facendo lievitare enormemente i costi sanitari.

Di più Iniezioni dimagranti, attesi costi per centinaia di milioni
veicoli posteggiati

Altri sviluppi

Calano in Svizzera le immatricolazioni di veicoli stradali

Questo contenuto è stato pubblicato al Le vendite di veicoli a motore sono scese in giugno: sono stati immatricolati 33'100 auto, camion, bus e moto, con una flessione del 9% rispetto allo stesso periodo del 2023.

Di più Calano in Svizzera le immatricolazioni di veicoli stradali
zelensky

Altri sviluppi

Kiev apre a un dialogo con Mosca

Questo contenuto è stato pubblicato al Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha aperto la porta a una partecipazione della Russia a un prossimo vertice di pace tra i due Paesi.

Di più Kiev apre a un dialogo con Mosca

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Se volete segnalare errori fattuali, inviateci un’e-mail all’indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR