Navigation

Luci rosse in Svizzera, la concorrenza estera non spaventa

Il caso della Valle del Reno sangallese in cui sorgono diverse attività regolari che attraggono clienti da oltre confine

Questo contenuto è stato pubblicato il 10 dicembre 2015 - 13:13

Un settore in cui la Svizzera non pare subire troppo la concorrenza estera è quello del mercato a luci rosse. Nella valle del Reno sangallese gli affari sembrano fiorire. In questa area sono ben 25 i locali a luci rosse che sono stati aperti, e nel piccolo paese di Au (6000 abitanti circa) c'è la più grande concentrazione di locali "osé" di tutta la Svizzera.

Uno di questi è di Andreas Tomaschek, proprietario di una sauna wellness, il quale dichiara:

"C'è molta prostituzione perché ci troviamo vicino alla frontiera. Con l'Austria ad esempio e in particolare con il Vorarlberg, dove l'attività, almeno in questa forma, è vietata. Non è difatti possibile avere bordelli come qui. Ci sono delle table-dance, ma non possono offrire quello che offriamo qui in Svizzera".

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.