La televisione svizzera per l’Italia

L’inflazione fa meno paura, tassi giù all’1,5%

La Banca nazionale e, a destra, la facciata del Palazzo federale a Berna.
Il calo dell'inflazione ha favorito la mossa della BNS. KEYSTONE/© KEYSTONE / PETER KLAUNZER

Inatteso taglio di un quarto di punto del tasso di riferimento da parte della Banca nazionale svizzera (BNS). Ossigeno per l'export elvetico penalizzato dal superfranco.

L’allentamento della politica monetaria è stato possibile grazie all’efficacia della lotta all’inflazione durante gli ultimi due anni e mezzo, ha dichiarato in una nota la BNS.

Inflazione sotto controllo

Da alcuni mesi l’aumento dei prezzi è tornato al di sotto del 2% – gli ultimi dati riferiscono di un +1,2% in febbraio – e le nuove previsioni indicano che l’inflazione dovrebbe rimanere stabile anche nel corso dei prossimi anni.

Con la sua decisione l’istituto di emissione ha tenuto conto da un lato, della diminuzione della pressione inflazionistica e dall’altro, dell’apprezzamento del franco in termini reali nell’ultimo anno. L’abbassamento del tasso di interesse, precisa la BNS, favorisce l’andamento dell’economia e assicura pertanto che le condizioni monetarie restino adeguate.

+ La Banca nazionale svizzera e le sue ingenti perdite: domande e risposte

Dall’inizio dell’anno, la svalutazione è diminuita ulteriormente e le attese per i prossimi anni sono favorevoli: la media annua si colloca all’1,4% per il 2024 (invece dell’1,9% pronosticato precedentemente), all’1,2% per il 2025 e all’1,1% per il 2026, con un tasso guida stabile all’1,5% lungo l’intero orizzonte.

Crescita modesta del PIL

I parametri macroeconomici attestano una crescita moderata del prodotto interno lordo (PIL) nel quarto trimestre dell’anno scorso, grazie soprattutto al settore dei servizi che ha nuovamente registrato un’espansione, mentre la disoccupazione è continuata a lievitare leggermente (ma dovrebbe mantenersi contenuta).

A frenare l’economia sono soprattutto la debole domanda estera, in particolare nell’Eurozona, e l’apprezzamento reale del franco intervenuto nell’ultimo anno.

+ La Banca nazionale svizzera in una gabbia d’oro

Nel complesso il PIL, pronostica l’istituto centrale, dovrebbe aumentare nel 2024 di circa l’1%. In questo contesto è probabile che la disoccupazione continui a salire gradualmente e che il livello di utilizzo delle capacità produttive diminuisca in lieve misura.

Rischi geopolitici in agguato

La BNS sottolinea però che, analogamente alle previsioni per l’estero, anche quelle elvetiche sono soggette a una certa incertezza, in particolare riguardo al rischio di un’evoluzione congiunturale più debole del previsto al di fuori della Svizzera.

In numerosi paesi, annota sempre l’istituto federale, l’inflazione continua ad attestarsi su livelli superiori agli obiettivi delle banche centrali e molte di queste hanno lasciato per il momento invariata la loro politica monetaria restrittiva.

Naturalmente non va esclusa un’evoluzione economica globale più debole di quanto ipotizzato, nel caso in cui le tensioni geopolitiche dovessero acuirsi ulteriormente.

Attualità

Una filiale di Meletronics.

Altri sviluppi

Migros taglia 415 posti e vende Melectronics

Questo contenuto è stato pubblicato al Migros sopprime altri 415 posti di lavoro. I tagli fanno parte della ristrutturazione del Gruppo Migros annunciata a inizio di febbraio, che prevede la soppressione di quasi 1'500 impieghi su un organico complessivo di circa 100'000 dipendenti.

Di più Migros taglia 415 posti e vende Melectronics
Irène Jacob.

Altri sviluppi

L’attrice Irène Jacob sarà premiata al Festival di Locarno

Questo contenuto è stato pubblicato al Il premio le verrà consegnato venerdì 9 agosto in Piazza Grande quando verrà proiettato il film "Trois couleurs: Rouge" del regista polacco Krzysztof Kieślowski.

Di più L’attrice Irène Jacob sarà premiata al Festival di Locarno
Quattro ragazzi danno calci a un ragatto in terra.

Altri sviluppi

Aumenta il numero di minorenni condannati

Questo contenuto è stato pubblicato al Aumenta in Svizzera il numero di condanne a carico di minorenni. Nel 2023 ne sono state pronunciate 23'080, ossia l'11% in più rispetto all'anno precedente.

Di più Aumenta il numero di minorenni condannati
Laboratorio chimico.

Altri sviluppi

Svizzera competitiva grazie all’efficienza delle sue aziende

Questo contenuto è stato pubblicato al La Svizzera si colloca al secondo posto nella classifica dell'istituto IMD di Losanna sulla competitività mondiale 2024 grazie alla sua performance economica e all'efficienza delle sue aziende.

Di più Svizzera competitiva grazie all’efficienza delle sue aziende
Una zecca.

Altri sviluppi

Cambia il clima, arrivano le zecche. Ecco come difendersi

Questo contenuto è stato pubblicato al La zecca può trasmettere due malattie, la borreliosi di Lyme e la meningoencefalite. Dall’ufficio del medico cantonale ticinese arrivano consigli per difendersi.

Di più Cambia il clima, arrivano le zecche. Ecco come difendersi
Una delle frequenti code al San Gottardo.

Altri sviluppi

Conducenti sempre più in coda sulle strade svizzere

Questo contenuto è stato pubblicato al I dati pubblicati nel Rapporto sulla viabilità 2023 indicano che la rete stradale elvetica è prossima alla saturazione. Situazione critica soprattutto nell'agglomerato di Zurigo e a sud delle Alpi.

Di più Conducenti sempre più in coda sulle strade svizzere
donna

Altri sviluppi

La Svizzera rappresenterà il Messico in Ecuador

Questo contenuto è stato pubblicato al In seguito alla rottura delle relazioni tra i due Paesi dell'America latina, assumerà la rappresentanza diplomatica del Messico a Quito.

Di più La Svizzera rappresenterà il Messico in Ecuador
bambina su un letto

Altri sviluppi

Casi di morbillo in aumento in Svizzera

Questo contenuto è stato pubblicato al Dall'inizio dell'anno nella Confederazione sono stati registrati 87 casi di morbillo, rispetto ai 26 nello stesso arco di tempo del 2023.

Di più Casi di morbillo in aumento in Svizzera
giornali

Altri sviluppi

Un’overdose di notizie e gli svizzeri se ne allontanano

Questo contenuto è stato pubblicato al La popolazione svizzera consuma sempre meno notizia, sia in formato digitale sia cartaceo: il 36% rinuncia a volte o spesso a leggere l'attualità.

Di più Un’overdose di notizie e gli svizzeri se ne allontanano

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Se volete segnalare errori fattuali, inviateci un’e-mail all’indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR