Navigazione

Saltare la navigazione

Sotto-siti

Funzionalità principali

Lindt, vinta la "guerra" degli orsetti

Haribo lamentava la violazione del marchio "Goldbär" di suo possesso

Gli orsetti di cioccolato di Lindt & Sprüngli non sono contraffazioni delle caramelle prodotte dalla tedesca Haribo, né violano un suo marchio registrato da decenni con il nome "Goldbär" (orsetto d'oro). Lo ha stabilito il Bundesgerichtshof, la massima istanza federale tedesca in materia civile e penale.

Commercializzato con la denominazione "Teddy" il prodotto della zurighese Lindt & Sprüngli è confezionato in carta dorata e porta al collo un nastro rosso con un cuoricino. Ha fatto la sua comparsa sugli scaffali tedeschi nell'ottobre 2012 e ha subito attirato l'attenzione del gigante Haribo, società di Bonn famosa per i suoi orsetti gommosi diffusi in tutto il mondo.

Haribo, lamentando una violazione del suo marchio "Goldbär", ha trascinato la concorrente in tribunale: in prima battuta, nel dicembre del 2012, ha ottenuto ragione, ma la sentenza è poi stata ribaltata nell'aprile del 2014 dai giudici dell'Oberlandesgericht di Colonia.

La Corte era infatti giunta alla conclusione che non sussiste il rischio di confondere i due prodotti: la somiglianza è troppo scarsa, aveva affermato in quell'occasione il presidente del tribunale. Tale decisione è stata ora confermata in modo definitivo.

subscription form

Abbonamento alla newsletter

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

×