La televisione svizzera per l’Italia

L’esercito svizzero si attrezza contro i cyberattacchi

Un militare lavora sul suo computer.
Le nuove minacce sono soprattutto virtuali. KEYSTONE/KEYYSTONE/PETER SCHNEIDER

Ci saranno anche esperte ed esperti elvetici alla più grande esercitazione di cyberdifesa svoltasi a livello mondiale che si terrà nei prossimi giorni.

Il Comando Ciber delle forze armate sarà impegnato la prossima settimana, dal 23 al 25 aprile, nel test denominato “Locked Shields 2024” organizzato in ambito NATO.

La simulazione prevede attacchi informatici a infrastrutture sensibili di un Paese fittizio che le e i partecipanti sono chiamati a scongiurare.

Altri sviluppi

Nel corso dell’esercitazione gli avversari virtuali sferreranno incursioni in tempo reale contro reti informatiche e infrastrutture critiche simulate. Compito della difesa è quello di individuare e neutralizzare questi attacchi informatici.

Nel corso del test, oltre alla cyberdifesa tecnica saranno valutati anche la procedura di notifica e di reporting, i processi decisionali, la valutazione giuridica e le attività di comunicazione.

Altri sviluppi
Il segretario generale della Nato Stoltenberg con la ministra della difesa elvetica Viola Amherd.

Altri sviluppi

La Svizzera vuole una maggior cooperazione con Nato e Ue

Questo contenuto è stato pubblicato al La guerra in Ucraina dovrebbe tradursi per la Svizzera in una maggiore cooperazione con la Nato e l’Ue, nel rispetto tuttavia della neutralità.

Di più La Svizzera vuole una maggior cooperazione con Nato e Ue

Il team elvetico è integrato in un gruppo multinazionale assieme a militari delle forze armate austriache e guardie nazionali di due Stati federali americani.

In totale saranno presenti a livello mondiale 4’000 esperti ed esperte provenienti da 40 nazioni. La delegazione della Svizzera, che partecipa regolarmente a questa esercitazione dal 2010, è composta da una settantina di persone tra soldati di milizia e soldati di professione, impiegati e impiegate dell’Amministrazione federale e gestori di infrastrutture critiche nazionali.

Attualità

Klaus Schwab durante l'ultimo WEF.

Altri sviluppi

Klaus Schwab lascia la presidenza esecutiva del WEF di Davos

Questo contenuto è stato pubblicato al Klaus Schwab, fondatore del Forum economico mondiale di Davos (WEF) lascia la sua carica di presidente esecutivo. L'86enne lo ha annunciato martedì in una mail allo staff.

Di più Klaus Schwab lascia la presidenza esecutiva del WEF di Davos
Il monte Fuji e in primo piano il supermercato della catena nipponica.

Altri sviluppi

Il Monte Fuji e la lotta al turismo giornaliero

Questo contenuto è stato pubblicato al Una cittadina presa d'assalto per la sua vista sul Monte Fuji non ha optato per una tassa ma a pensato a qualcosa di parecchio diverso.

Di più Il Monte Fuji e la lotta al turismo giornaliero
Un'immagine virtuale di un robot.

Altri sviluppi

Dall’UE la prima legge al mondo che regola l’intelligenza artificiale

Questo contenuto è stato pubblicato al Il Consiglio dell'Unione europea ha dato il via libera all'AI Act, ovvero alla legge europea sull'intelligenza artificiale che disciplina lo sviluppo, l'immissione sul mercato e l'uso dei sistemi di intelligenza artificiale nell'UE

Di più Dall’UE la prima legge al mondo che regola l’intelligenza artificiale
L'aula della CEDU.

Altri sviluppi

La Commissione degli affari giuridici critica la decisione della CEDU

Questo contenuto è stato pubblicato al Per la Commissione degli affari giuridici del Consiglio degli Stati, non vi è motivo di dare seguito alla sentenza della Corte europea dei diritti dell'Uomo contro la Svizzera per violazione dei diritti umani in ambito ambientale.

Di più La Commissione degli affari giuridici critica la decisione della CEDU
L'etichetta colorata di Nutri-Score.

Altri sviluppi

Migros rinuncia alle etichette Nutri-Score

Questo contenuto è stato pubblicato al La decisione del numero uno svizzero del commercio al dettaglio è stata fortemente criticata dalla Fondazione per la protezione dei consumatori.

Di più Migros rinuncia alle etichette Nutri-Score
Il premier Benjamin Netanyahu (sinistra) e il ministro della difesa Yoav Gallant.

Altri sviluppi

Gaza, Israele rigetta le accuse dell’Aia

Questo contenuto è stato pubblicato al Tutti i partiti israeliani difendono il premier Netanyahu e il ministro della difesa Gallant, accusati di crimini di guerra e contro l’umanità dal procuratore capo della Corte penale internazionale dell'Aia.

Di più Gaza, Israele rigetta le accuse dell’Aia

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Se volete segnalare errori fattuali, inviateci un’e-mail all’indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR