Navigation

Dalla Svizzera possibili ciberattacchi russi verso il mondo

Dalla Svizzera potrebbero partire attacchi verso altri Paesi occidentali Keystone / Obs/jijomathai - Stock.adobe.com

Dalla piccola e neutrale Svizzera potrebbero partire attacchi hacker contro altri Stati. A rivelarlo è stato il domenicale 'SonntagsBlick', che ha citato un report del Servizio delle attività informative della Confederazione. Stando agli 007 elvetici, infatti, in Svizzera vi sarebbero server che potrebbero essere usati da gruppi russi per influenzare le elezioni di altri Paesi occidentali.

Questo contenuto è stato pubblicato il 02 settembre 2022 - 20:08
Mattia Pacella, RSI

Giovedì a Lugano è andato in scena il Lugano Cybersecurity Forum 2022, a cui era presente in remoto pure il delegato federale alla cybersicurezza Florian Schütz.

“In generale possiamo dire che, come altri Paesi, la Svizzera ha una buona infrastruttura - spiega Schütz. Certo, gruppi criminali che collaborano anche con alcuni Stati, possono utilizzarla per compiere attacchi. In questo caso noi, con i Servizi delle attività informative della Confederazione, facciamo analisi e, se identifichiamo qualcosa di strano, prendiamo contromisure.”

La Svizzera dunque non è esente da rischi, a suo avviso. "Ci sono molteplici attacchi possibili. I criminali usano tutti i modi per fare campagna d’interferenze. Certamente le fake news sono un mezzo importante per attaccare uno Stato. D’altro canto dobbiamo renderci conto che la Svizzera è un Paese con la democrazia diretta, più lingue e una stampa libera. Per questo è più difficile da influenzare. Non e impossibile, ma è più difficile.”

Contenuto esterno

Anche il settore privato si interroga sulla cybersicurezza. Ospite a Lugano del Forum era anche Andrey Belenko, capo progetto della sicurezza di Microsoft Teams. Cittadino russo di Mosca, da tempo è trapiantato in Irlanda, dove lavora.

"Oggi ci sono effettivamente due rischi maggiori per gli Stati. Da una parte lo spionaggio e le infiltrazioni di entità statali in altri Stati. Questo, rispetto al passato, è sempre più possibile e d’attualità, visto che ci sono Stati che hanno veri e propri battaglioni cyber, come la Cina o la Russia. Ma ci sono anche le organizzazioni criminali, che sono molto attive, e molto spesso sono anche supportate dagli Stati. Per questo il secondo rischio riguarda sicuramente i ransomware, ossia malware/virus con i quali i criminali infettano e bloccano il computer e poi chiedono un riscatto”

I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?