La televisione svizzera per l’Italia

“La Svizzera non deve rispettare la sentenza della CEDU”

scritta KLIMAKRISE (crisi climatica) su marciapiede di ponte sopra fiume in piena
Le Anziane per il clima hanno "contestato con forza" la risoluzione. KEYSTONE

Per la Commissione degli affari giuridici del Consiglio degli Stati, la Svizzera non dovrebbe dar seguito alla condanna della CEDU nei confronti della Svizzera per violazione dei diritti umani in ambito ambientale.

Non c’è alcun motivo per dar seguito alla recente sentenza della Corte europea dei diritti dell’uomo di Strasburgo (CEDU) contro la Svizzera per violazione dei diritti umani in ambito ambientale. È quanto ritiene il Consiglio degli Stati, che – su richiesta della sua Commissione degli affari giuridici (CAG-S) – ha adottato mercoledì con 31 voti contro 11 e 2 astensioni una dichiarazione non vincolante in tal senso che invita il Consiglio federale ad attivarsi presso il Consiglio d’Europa per far conoscere la posizione della Confederazione. Il Consiglio nazionale deciderà su un testo analogo tra una settimana.

Nella dichiarazione, intitolata “Una protezione efficace dei diritti fondamentali da parte dei tribunali internazionali piuttosto che l’attivismo giudiziario”, si afferma segnatamente che la sentenza a favore delle Anziane per il clima “oltrepassa i limiti dell’interpretazione dinamica” e che la Corte, così facendo, “travalica i limiti dello sviluppo del diritto concessi a un tribunale internazionale”.

Contenuto esterno

Nel testo della dichiarazione si legge anche che Berna “non vede alcuna ragione per dare ulteriore seguito alla sentenza” dato che “gli sforzi precedentemente e attualmente profusi dalla Confederazione in materia di politica climatica soddisfano i requisiti in materia di diritti umani formulati nella sentenza”.

Daniel Jositsch: “CEDU oltre le sue competenze”

Mercoledì, in aula, la sentenza è stata criticata in particolare dal presidente della CAG-S, il socialista zurighese Daniel Jositsch. Pur non mettendo in dubbio l’importanza della CEDU, Jositsch – che è professore di diritto all’università di Zurigo – ha sottolineato che “siamo preoccupati del fatto che la corte sia andata oltre le sue competenze, ossia la protezione dei diritti individuali dallo Stato, creando di fatto nuovi diritti umani in ambito ambientale, ciò che non le compete”.

Per questo la Svizzera, alla luce di quanto fatto finora in ambito ambientale – come la recente Legge sul CO2 – deve far capire a Strasburgo che tale sentenza non avrà conseguenze per il nostro Paese, ossia non crea nuovi obblighi. “Quanto già realizzato o in corso di realizzazione a livello ambientale rispetta già la sentenza della CEDU”, secondo il parlamentare liberale radicale argoviese Andrea Caroni.

Il Governo, stando alla maggioranza del plenum, dovrà spiegare la posizione elvetica in seno al Consiglio dei ministri del Consiglio d’Europa, responsabile dell’applicazione delle sentenze della CEDU, anche perché la decisione dei giudici impegna tutti i Paesi membri di questa istanza.

“Con la nostra dichiarazione”, ha concluso Jositsch, “vogliamo segnalare alla CEDU che quanto fatto non va bene. Con ciò non vogliamo dire che della sentenza non ci importa nulla, ma far notare che non è compito dei giudici sorvegliare obiettivi politici, come quelli climatici votati democraticamente”. Jositsch ha anche criticato il fatto che la CEDU abbia accolto il ricorso di un’associazione, e non di una singola persona come sempre fatto finora. “Anche questo aspetto ci è parso problematico”, ha asserito il presidente della CAG-S.

Contro la separazione dei poteri

Durante il lungo dibattito, una minoranza – composta dai socialisti Carlo Sommaruga (canton Ginevra) e Mathilde Crevoisier Crelier (canton Giura) e dalla rappresentante dei Verdi Céline Vara (canton Neuchâtel) – ha chiesto invano di respingere la dichiarazione.

Contenuto esterno

Secondo Sommaruga, il testo non rispetta la separazione dei poteri. Il socialista ha, tra l’altro, portato l’esempio della sentenza del 27 novembre 1990, con la quale il Tribunale federale chiedeva al canton Appenzello interno d’introdurre il diritto di voto alle donne. Questo Cantone, ha spiegato Sommaruga, non ha contestato la decisione della corte. E, in seguito, ha aperto la Landsgemeinde alle donne.

Secondo Vara, la dichiarazione è un segnale disastroso per la protezione del clima e per le generazioni future. La parlamentare ecologista ha espresso il suo “sgomento” per quella che ha definito una “vergogna”. Rifiutandosi di rispettare una sentenza della CEDU “ci mettiamo sullo stesso piano della Russia”.

Dal canto suo, Crevoisier Crelier ha aggiunto come sia “strano affermare che la Svizzera non darà seguito al verdetto della Corte quando il Consiglio federale, che ha il compito di spiegare la posizione della Confederazione in seno al Consiglio d’Europa, non si è ancora pronunciato sulla sentenza”.

Invito a rispettare il diritto

Le reazioni alla dichiarazione approvata dal Consiglio degli Stati non si sono fatte attendere. In una nota, le Anziane per il clima “hanno contestato con forza” l’interferenza politica del Parlamento in una decisione giudiziaria. Hanno invitato le e i parlamentari e il Consiglio nazionale in particolare, che si esprimerà su un testo simile la prossima settimana, a rispettare la legge.

Contenuto esterno

“Il Consiglio degli Stati sta giocando con il fuoco” chiedendo al Governo di non rispettare le sentenze della CEDU solo quando gli conviene, ha indicato dal canto suo Amnesty International Svizzera in una nota. Questo è un pessimo segnale per gli altri Stati europei.

La condanna

Il 9 aprile scorso, La CEDU ha condannato la Svizzera per violazione dei diritti umani in ambito ambientale dando così ragione all’associazione Anziane per il clima che aveva presentato un ricorso denunciando quella che considera l’inazione della Confederazione di fronte ai cambiamenti climatici. La sentenza, considerata storica, è vincolante e non appellabile. Può influenzare la legge in 46 Paesi europei.

Altri sviluppi

Nel maggio 2020, il Tribunale federale aveva invece respinto il ricorso presentato dall’associazione. In particolare, aveva stabilito che le donne anziane non sono più colpite dalle conseguenze del cambiamento climatico rispetto ad altri gruppi di popolazione.

Attualità

Una delle frequenti code al San Gottardo.

Altri sviluppi

Conducenti sempre più in coda sulle strade svizzere

Questo contenuto è stato pubblicato al I dati pubblicati nel Rapporto sulla viabilità 2023 indicano che la rete stradale elvetica è prossima alla saturazione. Situazione critica soprattutto nell'agglomerato di Zurigo e a sud delle Alpi.

Di più Conducenti sempre più in coda sulle strade svizzere
donna

Altri sviluppi

La Svizzera rappresenterà il Messico in Ecuador

Questo contenuto è stato pubblicato al In seguito alla rottura delle relazioni tra i due Paesi dell'America latina, assumerà la rappresentanza diplomatica del Messico a Quito.

Di più La Svizzera rappresenterà il Messico in Ecuador
bambina su un letto

Altri sviluppi

Casi di morbillo in aumento in Svizzera

Questo contenuto è stato pubblicato al Dall'inizio dell'anno nella Confederazione sono stati registrati 87 casi di morbillo, rispetto ai 26 nello stesso arco di tempo del 2023.

Di più Casi di morbillo in aumento in Svizzera
giornali

Altri sviluppi

Un’overdose di notizie e gli svizzeri se ne allontanano

Questo contenuto è stato pubblicato al La popolazione svizzera consuma sempre meno notizia, sia in formato digitale sia cartaceo: il 36% rinuncia a volte o spesso a leggere l'attualità.

Di più Un’overdose di notizie e gli svizzeri se ne allontanano
Benjamin Netanyahu

Altri sviluppi

Sciolto il Gabinetto di guerra in Israele

Questo contenuto è stato pubblicato al La decisione era attesa dopo le recenti dimissioni di Benny Gantz e Gadi Eisenkot. Secondo indiscrezioni, Benjamin Netanyahu continuerà a tenere riunioni limitate a scopo di "consultazione".

Di più Sciolto il Gabinetto di guerra in Israele
Gruppo di lavoratori in un atelier professionale.

Altri sviluppi

Triplicate le persone disabili inserite in programmi di reinserimento professionale

Questo contenuto è stato pubblicato al Le riforme cui è stata sottoposta l'Assicurazione invalidità negli ultimi 15 anni hanno consentito a un numero crescente di persone di beneficiare dei provvedimenti d'integrazione e di reinserirsi nel mondo del lavoro.

Di più Triplicate le persone disabili inserite in programmi di reinserimento professionale
Un plastico del futuro stadio del Milan.

Altri sviluppi

Il Milan e il nuovo stadio, i cittadini e i cistercensi

Questo contenuto è stato pubblicato al Il possibile nuovo stadio del Milan fa discutere molto nella metropoli lombarda, anche perché dovrebbe sorgere a poche centinaia di metri da un’abbazia, dove i monaci vivono tutt’ora.

Di più Il Milan e il nuovo stadio, i cittadini e i cistercensi
Il complesso immobiliare in corso di realizzazione a Leutschenbach (Zurigo).

Altri sviluppi

Il miraggio dell’alloggio in Svizzera

Questo contenuto è stato pubblicato al La ricerca di un appartamento, a prezzi accessibili, è diventata un'impresa titanica, Emblematico il caso di Zurigo.

Di più Il miraggio dell’alloggio in Svizzera
Partecipanti al Pride di Zurigo.

Altri sviluppi

In ventimila al Pride di Zurigo

Questo contenuto è stato pubblicato al "Libero sotto ogni aspetto - da 30 anni". Sotto questo motto si è tenuto oggi con la partecipazione di 20'000 persone il Pride di Zurigo.

Di più In ventimila al Pride di Zurigo

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Se volete segnalare errori fattuali, inviateci un’e-mail all’indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR