Navigation

La Svizzera conosce il Canton Marittimo

I promotori dell'iniziativa hanno organizzato un piccolo tour nella Confederazione per presentare il progetto

Questo contenuto è stato pubblicato il 21 settembre 2015 - 17:52

L'idea di fare della Sardegna il 27esimo cantone svizzero, il Canton Marittimo, è stata lanciata ormai da più di un anno da due sardi di Cagliari, Andrea Caruso ed Enrico Napoleone. Presa inizialmente come una semplice provocazione, ora l'idea si è fatta maggiormente concreta. In questi mesi infatti è stata creata l'associazione Canton Marittimo e i sardi che aderiscono a questa iniziativa aumentano di giorno in giorno.

L'idea è semplice: la Sardegna non si sente italiana e, secondo i sardi, l'Italia non riconoscerebbe l'unicità dei sardi. La Svizzera, sempre secondo i promotori dell'iniziativa, rappresenterebbe la miglior soluzione per una crescita dell'isola. Il sistema federale infatti rispetterebbe la lingua e l'identità sarda.

Detto fatto. Dopo aver sensibilizzato i sardi, ora sempre i due amici hanno pensato bene di fare i primi passi verso la Svizzera. E lo hanno fatto organizzando un piccolo Tour de Suisse per far conoscere dal vivo il progetto di una Sardegna svizzera. E questo presentandosi alla popolazione ma anche ai politici.

La piccola delegazione sarda è stata infatti anche ricevuta dal presidente del Gran consiglio vodese che ha riservato un'accoglienza assolutamente inaspettata. Non solo. Il sindaco di Avenches, anch'egli deputato vodese, è un fervente sostenitore del progetto. Forse perché sullo stemma di Avenches c'è un moro proprio come quello della bandiera sarda.

Riccardo Franciolli

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?