Navigation

La settimana in Svizzera

Un operaio intento a installare un modulo dell'impianto solare sul Lac des Tuoles (Vallese) a 1'800 metri di altitudine. Keystone

​​​​​​​

La cancellazione della Svizzera dalla lista grigia dell'UE sui paradisi fiscali e il nuovo parco solare galleggiante sul Lacs des Toules (Vallese) sono le due notizie più dibattute della settimana. Ma ha fatto discutere anche il caso della clinica psichiatrica di Münsterlingen dove numerosi pazienti sono stati usati come cavie per testare farmaci.

Questo contenuto è stato pubblicato il 13 ottobre 2019 - 11:00
tvsvizzera/spal con RSI (TG)

Per ovviare alle carenze di organico le Ferrovie svizzere, a corto di macchinisti, hanno lanciato una campagna che, con video pubblicitari mirati, si rivolge in particolare a uomini e donne sopra i 40 anni. "Hanno esperienza di vita e sono riflessivi", indicano le FFS.


Inaugurato sul lago artificiale alpino Des Toules, in Vallese, un impianto solare costituito da 36 moduli galleggianti su cui sono installati pannelli fotovoltaici mobili. Il progetto sperimentale dovrebbe essere in grado di produrre molta più energia rispetto agli impianti tradizionali su terra ferma. 

Perde una posizione la Svizzera nella speciale classifica internazionale dei paesi più competitivi del Wef. Al primo posto, occupato fino al 2017 dalla Confederazione, Singapore ha scalzato gli Stati Uniti, seguiti da Hong Kong e Paesi Bassi.

Con l'adozione della recente riforma fiscale, che ha cancellato i privilegi concessi in alcuni cantoni alle società straniere, la Svizzera si è adeguata agli standard di trasparenza e cooperazione internazionale. E l'Ue l'ha rimossa dalla sua lista grigia.

Nella clinica psichiatrica di Münsterlingen tremila persone furono usate fino agli anni '80 come cavie per testare farmaci. Ma ora una corte ha riconosciuto i fatti e stabilito un risarcimento in favore di un paziente da parte delle autorità cantonali.  


Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.