Navigation

La linea ad altissima tensione attraversa le Alpi in galleria

Questo panorama presto scomparirà. © Keystone / Gaetan Bally

I tralicci dell'alta tensione spariranno dal passo del San Gottardo. A partire dal 2029 l'energia varcherà infatti le Alpi percorrendo la seconda galleria autostradale, come spiega Swissgrid in un comunicato diffuso mercoledì e che annuncia la presentazione della relativa domanda di costruzione.

Questo contenuto è stato pubblicato il 22 settembre 2022 - 08:43
tvsvizzera.it/fra

Il cavo sotterraneo tra Airolo e Göschenen sarà lungo 18 chilometri e andrà a sostituire l'attuale linea di 23 chilometri. Non appena l'interramento sarà completato, sul Passo del San Gottardo potranno essere smantellati 70 tralicci (51 in territorio urano, 19 in Ticino). Resteranno soltanto quattro piloni in prossimità dell'ospizio, che saranno abbassati e utilizzati unicamente per una linea elettrica delle FFS.

Contenuto esterno

Un progetto unico in Svizzera

"Si tratta di un progetto unico nel suo genere in Svizzera - si legge nell nota - per la prima volta una linea ad altissima tensione sarà abbinata a un tunnel autostradale nazionaleLink esterno. Al momento dell'entrata in servizio prevista, la linea Swissgrid Link esternodel San Gottardo, con i suoi circa 18 chilometri, sarà la più lunga linea ad altissima tensione interrata della Svizzera". L'investimento previsto è di circa 107 milioni di franchi.

Il raggruppamento delle infrastrutture lineari (linee elettriche e autostrada) è possibile "soprattutto perché la linea aerea esistente si avvicina alla fine del suo ciclo di vita e dovrebbe essere comunque risanata nei prossimi anni". La posa dei cavi interrati avviene quindi contemporaneamente e in coordinamento con la costruzione della seconda galleria autostradale del San Gottardo da parte dell'Ufficio federale delle strade (USTRA).

In questi giorni, Swissgrid ha presentato la relativa domanda di costruzione all'Ispettorato federale degli impianti a corrente forte (ESTI). Il dossier sarà pubblicato nei comuni coinvolti nel progetto.

I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?