La televisione svizzera per l’Italia

La Croce rossa non riprenderà il mandato dell’UNRWA

Il direttore del CICR Pierre Kraehenbuehl
Secondo il suo direttore Pierre Krähenbühl, il CICR ha già abbastanza da fare. KEYSTONE

Il Comitato internazionale della Croce Rossa (CICR) non rimpiazzerà l'UNRWA, l'agenzia dell'ONU per i profughi palestinesi.

Il direttore generale dell’ONU Pierre Krähenbühl, ha fatto sapere che l’organizzazione con sede a Ginevra non riprenderà il mandato dell’Agenzia delle Nazioni unite per il soccorso e l’occupazione dei profughi palestinesi nel vicino oriente. “Abbiamo già sufficientemente da fare senza cercare di sostituirsi ad altre organizzazioni”, ha dichiarato.

“Abbiamo mandati totalmente diversi”, afferma Krähenbühl in un’intervista concessa lunedì al quotidiano Le Temps. “L’UNRWA ha ricevuto il suo dall’Assemblea generale delle Nazioni unite, il CICR dalle Convenzioni di Ginevra. Dunque non riprenderemo il loro”.

L’UNRWA, ricordiamo, è nel mirino delle critiche da tempo per i presunti legami con Hamas di alcuni funzionari. Molti Paesi, fra cui la Svizzera, hanno sospeso i finanziamenti. Alcuni politici dell’Unione democratica di centro (UDC, destra conservatrice) e del Partito liberale radicale (PLR, centro-destra) hanno espresso la volontà che il ruolo svolto dall’agenzia passasse nelle mani del CICR.

Altri sviluppi

Lo stesso Krähenbühl è stato alla guida dell’UNRWA fra il 2014 e il 2019. Ha presentato le sue dimissioni dopo accuse di cattiva gestione e abuso di potere. A inizio aprile ha poi assunto il ruolo di direttore generale del CICR, diventando di fatto il numero due dell’organizzazione dietro la presidente Mirjana Spoljaric Egger.

A marzo il ginevrino è stato attaccato da senatori repubblicani statunitensi, i quali, sotto la minaccia di un taglio dei fondi da parte del loro Paese, hanno chiesto che lasciasse il CICR. Sollecitato sulla questione dal giornale romando, Krähenbühl ha replicato che, al momento della sua assunzione, l’ONU ha chiaramente precisato come non vi fosse nulla a sostegno dei rimproveri sollevati nei suoi confronti.

Lo stesso CICR si trova peraltro in difficoltà finanziarie. Il budget è stato ridotto di 700 milioni di franchi per il 2024 e 4’000 posti di lavoro sono stati soppressi. “Gli ultimi licenziamenti sono avvenuti a marzo” e, specifica Krähenbühl, ne hanno risentito la coesione e la fiducia interna.

Il Comitato internazionale della Croce Rossa ha inoltre dovuto limitare le sue attività, in particolare in Iraq, Sud Sudan e Nigeria. Il ginevrino ritiene però che, dopo aver proceduto ai tagli del budget e all’elaborazione di una nuova strategia istituzionale, la situazione economica ora si sia stabilizzata.

Attualità

due tossici condividono una dose di fentanyl

Altri sviluppi

Il Fentanyl si fa strada in Svizzera

Questo contenuto è stato pubblicato al La città di Coira, capitale del canton Grigioni, è diventata uno dei maggiori centri di consumo di stupefacenti in Svizzera. Tra questi anche una "new entry": il Fentanyl.

Di più Il Fentanyl si fa strada in Svizzera
ape su un fiore

Altri sviluppi

In Svizzera il 45% delle api selvatiche è minacciato

Questo contenuto è stato pubblicato al A pochi giorni dalla Giornata internazionale delle api, che cade il 20 maggio, l'Ufficio federale dell'ambiente (UFAM) ha pubblicato venerdì la nuova Lista rossa delle api, che fa il punto sulle specie minacciate.

Di più In Svizzera il 45% delle api selvatiche è minacciato
edificio in vetro

Altri sviluppi

La FIFA può trasferire la sua sede da Zurigo

Questo contenuto è stato pubblicato al Riunito venerdì a Bangkok, il Congresso della Federazione internazionale di calcio (FIFA) ha approvato una modifica al suo statuto che crea le basi per consentire eventualmente all'associazione di trasferire la sua sede da Zurigo. La FIFA è nella città sulla Limmat dal 1932.

Di più La FIFA può trasferire la sua sede da Zurigo
due persone attraversano una strada con bandiere arcobaleno

Altri sviluppi

In forte crescita le manifestazioni d’odio nei confronti della comunità LGBTIQ+

Questo contenuto è stato pubblicato al L'anno scorso sono stati segnalati 305 casi di ingiurie o attacchi verso persone lesbiche, gay, bisessuali, trans, non binarie, intersessuali e queer. Le violenze verbali e fisiche sono più che raddoppiate nel giro di un solo anno.

Di più In forte crescita le manifestazioni d’odio nei confronti della comunità LGBTIQ+
zofingen

Altri sviluppi

L’aggressore di Zofingen è un 43enne con turbe mentali

Questo contenuto è stato pubblicato al Nessuna delle sei persone ferite ieri, di cui due in modo grave, è in pericolo di morte. La procura ha intanto aperto un'inchiesta per tentato omicidio multiplo.

Di più L’aggressore di Zofingen è un 43enne con turbe mentali

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Se volete segnalare errori fattuali, inviateci un’e-mail all’indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR