Navigation

L'arte ha i suoi legittimi proprietari

La Confederazione finanzia con 2 milioni di franchi un programma per far chiarezza sulla provenienza delle opere d'arte

Questo contenuto è stato pubblicato il 08 maggio 2016 - 14:01

Il caso della collezione Gurlitt, la controversa raccolta di opere d'arte parzialmente depredate, offerte al Kunstmuseum di Berna, ha rianciato in Svizzera il dibattito sulla presenza nei musei di oggetti rubati. La Confederazione ha deciso di finanziare con due milioni di franchi un programma di ricerca destinato a fare chiarezza sulla provenienza di quadri o sculture. L'Ufficio federale della cultura ha ricevuto richieste da una quindicina tra musei e fondazioni.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.