La televisione svizzera per l’Italia

Investimento di 650 milioni di franchi per partecipare ai programmi di ricerca europei

epfl
KEYSTONE/ VALENTIN FLAURAUD

È la somma decisa oggi dal Consiglio federale per permettere ai ricercatori svizzeri di partecipare ai concorsi dell'Unione Europea.

A causa dello statuto di Paese terzo non associato al pacchetto Orizzonte 2021-2027, la Svizzera finanzierà ancora direttamente con una somma massima di 650 milioni di franchi gli attori della ricerca e dell’innovazione in Svizzera che intendono partecipare ai bandi di concorso europei per il 2024. Lo ha stabilito oggi il Consiglio federale che precisa di lavorare alacremente affinché la Confederazione possa ottenere al più presto l’associazione completa ai progetti di ricerca europei.

Non essendo pienamente associata – dopo il “no” elvetico all’accordo quadro nel 2021 – i ricercatori attivi in Svizzera possono partecipare a circa due terzi del programma Orizzonte 2021–2027 (Orizzonte Europa, programma Euratom, ITER e Digital Europe Programme).

+ Quale futuro per la ricerca svizzera in Europa?

Per i bandi dell’anno corrente, precisa una nota governativa odierna, sono previsti circa 600 milioni a titolo di finanziamento diretto per quegli attori che presentano progetti di ricerca e innovazione relativi alle parti accessibili del programma e che hanno ricevuto una valutazione positiva dalla Commissione europea. Il finanziamento viene erogato dalla Segreteria di Stato per la formazione, la ricerca e l’innovazione.

Il governo ha previsto altri 50 milioni per le parti del programma non accessibili, tra cui gli strumenti di finanziamento dei progetti individuali (ERC Starting Grants, MSCA Postdoctoral Fellowships), ai quali si applicano misure transitorie nazionali. Inoltre sono previsti fondi per le attività nel settore spaziale e in quello della cybersicurezza.

Al nono programma quadro dell’UE nel campo della ricerca e l’innovazione è stato attribuito un budget di oltre 95 miliardi di euro, ciò che ne fa il progetto più “ricco” al mondo. La Svizzera era associata al programma precedente “Orizzonte 2020”, ma è poi stata esclusa in seguito al rifiuto, nel 2021, da parte dell’esecutivo di firmare l’accordo istituzionale con Bruxelles. Ciò ha obbligato la Confederazione ad adottare misure transitorie per consentire ai ricercatori svizzeri di partecipare, anche se in misura limitata, ai progetti di ricerca europei.

Le risorse messe a disposizione per le misure transitorie relative ai bandi 2021, 2022 e 2023 ammontavano complessivamente a 1,85 miliardi di franchi. Nel frattempo sono stati avviati i negoziati tra la Svizzera e l’UE relativi all’approccio “a pacchetto” e quindi anche all’eventuale associazione. Ciò offre ai ricercatori attivi in Svizzera la possibilità di presentare richieste di finanziamento per i bandi ERC Advanced Grants nel 2024 e di partecipare così alla competizione europea per la ricerca pionieristica d’eccellenza. Fino all’entrata in vigore dell’accordo di associazione la partecipazione del nostro Paese continuerà ad essere finanziata direttamente dalla Confederazione.

Attualità

fotografia aerea dell'edificio principale del politecnico federale di zurigo

Altri sviluppi

Tasse triplicate nei politecnici federali per studenti stranieri

Questo contenuto è stato pubblicato al Studentesse e studenti stranieri che in futuro intendono frequentare i politecnici federali di Zurigo e Losanna potrebbero veder triplicate le loro tasse d'iscrizione.

Di più Tasse triplicate nei politecnici federali per studenti stranieri
uomo con passamontagna tiene un cappio

Altri sviluppi

Forte aumento delle esecuzioni capitali nel mondo

Questo contenuto è stato pubblicato al L'anno scorso il numero di esecuzioni nel mondo ha raggiunto il livello più alto dal 2015. Amnesty International ne ha contate 1'153, senza la Cina, che non fornisce cifre. La progressione più alta è stata registrata in Iran.

Di più Forte aumento delle esecuzioni capitali nel mondo
auto tra muraglioni di neve

Altri sviluppi

Riapre il passo del San Gottardo

Questo contenuto è stato pubblicato al La barriera sulla strada che porta ai 2'108 metri del valico tra il Ticino e Uri è stata sollevata alle 11:00 di mercoledì. L’apertura è stata posticipata a causa della neve.

Di più Riapre il passo del San Gottardo
persone che votano

Altri sviluppi

In Sudafrica si rinnova il Parlamento

Questo contenuto è stato pubblicato al Oltre 26 milioni di sudafricani sono chiamati alle urne mercoledì per eleggere i 400 membri del Parlamento, che dovranno poi a loro volta nominare il prossimo presidente.

Di più In Sudafrica si rinnova il Parlamento
donna sale su un'auto

Altri sviluppi

Nessun aiuto per la riconversione professionale di chi si prostituisce

Questo contenuto è stato pubblicato al Le persone che desiderano abbandonare la prostituzione non saranno aiutate a riconvertirsi professionalmente. Mercoledì il Consiglio degli Stati ha respinto all'unanimità una mozione del Consiglio nazionale in tal senso.

Di più Nessun aiuto per la riconversione professionale di chi si prostituisce

Altri sviluppi

Il Papa si scusa su seminaristi gay, non volevo offendere

Questo contenuto è stato pubblicato al Il Papa si scusa sull'epiteto-shock riguardante i seminaristi gay, trapelato a distanza di una settimana dall'incontro a porte chiuse con i vescovi italiani in cui sarebbe stato pronunciato, e che ieri in un baleno ha fatto il giro del mondo.

Di più Il Papa si scusa su seminaristi gay, non volevo offendere
sportello postale con persona carica di pacchi

Altri sviluppi

La Posta svizzera prosegue la sua cura dimagrante

Questo contenuto è stato pubblicato al Nei prossimi quattro anni la Posta chiuderà altre 170 filiali gestite in proprio. Nell'arco di 12 anni la rete di uffici postali in Svizzera è stata dimezzata.

Di più La Posta svizzera prosegue la sua cura dimagrante

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Se volete segnalare errori fattuali, inviateci un’e-mail all’indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR