Navigation

Sanzionato il procuratore generale della Confederazione

Il procuratore generale della Confederazione Michael Lauber ha infranto diversi doveri d'ufficio: ha ripetutamente detto il falso, ha agito in modo sleale e ha violato il codice di condotta del Ministero pubblico in modo "gravemente negligente". 

Questo contenuto è stato pubblicato il 04 marzo 2020 - 18:50
tvsvizzera.it/fra con RSI
Lo scorso settembre l'Assemblea ha comunque rieletto Michael Lauber a capo del Ministero pubblico della Confederazione fino al 2023. Keystone / Peter Schneider

Sono le parole dell'autorità di vigilanza della procura federale (AV-MPC) che ha concluso l'indagine disciplinare nei confronti del procuratore generale Michael Lauber. L'autorità di sorveglianza ha aggiunto che il procuratore generale ha provato anche a ostacolare l'inchiesta.

A Lauber, come sanzione disciplinare, è stata imposta una diminuzione salariale dell'8% - il massimo consentito ammonta al 10% - per la durata di un anno. La riduzione è pari a 23'827 franchi, ovvero l'8% del suo stipendio annuale pari a 297'844 franchi.

La vicenda

Il procuratore generale Michael Lauber era finito al centro di più critiche e di una procedura disciplinare per non aver verbalizzato alcuni incontri avuti con il presidente della FIFA Gianni Infantino nel quadro delle indagini sugli scandali che hanno scosso la federazione calcistica internazionale. 

++ Sotto accusa i suoi incontri con il presidente della FIFA Gianni Infantino.

"Inoltre, evidentemente il procuratore generale non vede la scorrettezza del suo operato e denota una concezione fondamentalmente erronea della propria professione", scrive in una nota l'AV-MPCLink esterno, annunciando la conclusione del procedimento disciplinare nei confronti di Lauber - aperto lo scorso maggio - e sottolineando che la somma delle violazioni commesse è "considerevole".

L'indagine condotta dal giudice federale Alexia Haine - membro dell'autorità di vigilanza del MPC - ha mostrato che Lauber ha violato in più occasioni i suoi obblighi di responsabilità in particolare riguardo agli incontri con Infantino nel 2016 e nel 2017.

Sanzione "blanda"

La sanzione è stata ridotta poiché non vi sono indicazioni che il procuratore generale abbia ricevuto prestazioni pecuniarie, materiali o personali illegali. Il procuratore generale può presentare ricorso contro la decisione.

In una presa di posizione, la procura federale sottolinea che quella dell'autorità di vigilanza non è "una decisione definitiva" e deve essere esaminata. Inoltre, viene aggiunto, Lauber e i suoi avvocati si riservano il diritto di intraprendere ulteriori azioni legali.

Ecco le considerazioni del nostro corrispondente a Berna.

Contenuto esterno


Rielezione

Lo scorso settembre, l'Assemblea aveva rieletto di misura Lauber a capo del Ministero pubblico della Confederazione fino al 2023. I voti erano stati solo 129 voti sui 243 validi, poco al di sopra dei 122 necessari.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.