Navigation

Lugano vuole salvare il suo aeroporto

Sì del consiglio comunale di Lugano al salvataggio dell’aeroporto di Lugano-Agno. Con 43 sì, 11 no e un astenuto, il Legislativo ha dato il suo via libera al credito da quasi sei milioni di franchi per la copertura delle perdite fino al 2020 per Lugano Airport e la sua ricapitalizzazione così come chiedeva il Municipio.

Questo contenuto è stato pubblicato il 26 novembre 2019 - 12:10
tvsvizzera.it/fra con RSI
Gli aerei potranno continuare a decollare dall'aeroporto di Lugano. © Keystone / Ti-press / Gabriele Putzu

Ci sono volute tre ore di discussioni per decidere. Sul tavolo, ricordiamo, c’erano tre proposte. Ad averla spuntata quella sostenuta da Lega e UDC (Unione democrativa di centro), che concedeva i crediti a patto che entro fine dell’anno prossimo il Municipio e LASA (Lugano Airport SA) appronti una nuova strategia per garantire un futuro allo scalo prendendo in considerazione il partenariato pubblico privato. E questo anche nell'ipotesi che non si riesca a ripristinare dei collegamenti di linea.

Bocciata la proposta di PLR e PPD (che alla fine hanno approvato il rapporto targato Lega e UDC, unico rimasto sul tavolo) che imponeva al CdA di LASA condizioni più severe con l’obiettivo di cedere lo scalo, risanato, ai privati. No anche alla proposta di PS e Verdi che limitava l’aiuto alla copertura del deficit, escludendo dunque la ricapitalizzazione e chiedeva un rapido disimpegno dell’ente pubblico dallo scalo.

Resta l’incognita del referendum. I Verdi sono pronti a lanciarlo, resta da capire cosa faranno i socialisti. La sezione di Lugano deciderà sabato se appoggiare un'eventuale raccolta firme.

Ecco il servizio di Infonotte della Radiotelevisione svizzera.

Contenuto esterno


Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?