Navigation

La settimana in Svizzera

L'attenzione del mondo intero è stata puntata sulla Svizzera a causa del Forum economico mondiale (Wef) tenutosi a Davos. Ma negli ultimi sette giorni si è parlato anche di mobilità transfrontaliera, misure anti-smog e del "miliardo di coesione". Ripercorriamo qui, in pillole, l'attualità svizzera della settimana appena trascorsa.

Questo contenuto è stato pubblicato il 26 gennaio 2020 - 18:00
tvsvizzera/Zz

Le agende dei partecipanti al Forum economico mondiale di Davos sono molto diverse tra loro ma tutti, nessuno escluso, ha parlato a suo modo della protezione del clima. 

Ha parlato di clima anche il presidente statunitense Donald Trump, sottolineando comunque di essere arrivato a Davos per parlare di commercio. "Mi piacerebbe avere un accordo di libero scambio con la Svizzera", ha detto.

Lasciamo le alte sfere dell'economia internazionale per dare un'occhiata a una vicenda che sta facendo molto discutere in Ticino. Quella del collegamento ferroviario con l'aeroporto di Malpensa, considerato ancora inefficiente da molti, e del mancato rinnovo della concessione alla ditta che dal 2005 assicurava collegamenti in pullman verso lo scalo.

Andiamo poi a Ginevra dove per la prima volta è stata attivata la circolazione differenziata per lottare contro l'inquinamento dell'aria. 

Il bilancio del contributo svizzero all'allargamento dell'UE (noto come "miliardo di coesione") è positivo, secondo Berna. Il programma decennale rivolto ai Romania e Bulgaria, dotato di 257 milioni di franchi, è terminato in dicembre.


Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.