In pillole La settimana in Svizzera

La libertà vigilata concessa a Jean-Claude Romand dopo oltre due decenni di carcere e una disgrazia nel tunnel autostradale del San Gottardo. Anche di questo si è discusso negli ultimi sette giorni in Svizzera. Ripercorriamo qui, in pillole, l'attualità elvetica della settimana appena trascorsa. 

Jean-Claude Romand, il falso medico dell'Organizzazione mondiale della sanità (Oms) condannato all'ergastolo per aver ucciso la moglie, i 2 figli e i genitori ha ottenuto la libertà vigilata dopo oltre due decenni in carcere. 

Gli sforzi intrapresi per cercare di promuovere la professione di medico di famiglia sembra stiano dando i loro frutti. 

Disgrazia nella galleria del San Gottardo. Una ruota persa da un semirimorchio ha colpito il parabrezza di una vettura, ferendone mortalmente il conducente.

Un settimanale zurighese aveva chiesto informazioni dettagliate alla Segreteria di Stato dell'economia (Seco) sulle richieste di esportazioni d’armi conformemente al dettato della legge sulla trasparenza nell'amministrazione. La Seco aveva rifiutato di fornire i dati richiesti ritenendo di dover comunicare questi dettagli solo alla Commissione parlamentare della gestione. Secondo la massima istanza giuridica del paese avrebbe invece dovuto fornire le informazioni.

Una quarantina di capi di Stato e di governo e altri rappresentanti di un centinaio hanno partecipato venerdì e sabato a Pechino al secondo forum sulla Belt and Road Initiative (BRI). Presente anche il presidente della Confederazione.


Un viaggio su due ruote da Milano ad Amboise. Un percorso lungo circa 1'400 chilometri. A cimentarsi in questa impresa è Giovanni Storti, del trio comico Aldo, Giovanni e Giacomo. L'attore e i suoi compagni di viaggio intendono commemorare in questo modo il genio di Leonardo da Vinci, morto nel comune francese 500 anni fa. Giovedì e venerdì il gruppo era di passaggio in Ticino.


Parole chiave