Navigation

La settimana in Svizzera

Aquarius deve poter navigare nuovamente. Così una petizione in Svizzera chiede alla Confederazione di far battere bandiera elvetica all'imbarcazione. Intanto uno studio sulle condizioni d'impiego racconta che un buon 40% dei lavoratori è colpito da stress. Forse non gli oltre 20 professori di ruolo italiani al Politecnico federale di Zurigo. Certamente le autorità ticinesi che si vedono delocalizzare 150 posti di lavoro dalla Luxury Goods International. E allora non è così fuori luogo affermare che un quinto degli svizzeri soffre di problemi psichici.

Questo contenuto è stato pubblicato il 14 ottobre 2018 - 16:00
Panama le ha ritirato la bandiera. Ora una petizione chiede alla Svizzera di permettere ad Aquarius di battere la bandiera della Confederazione. Keystone


Il caso Aquarius, la nave usata dall'ong SOS Méditerranée per il recupero dei migranti nel Mediterraneo, irrompe anche in Svizzera. Una petizione chiede infatti per la barca il permesso di battere bandiera Svizzera.


Le condizioni di impiego in Svizzera sono giudicate buone, ma lo stress colpisce spesso o molto spesso il 40% dei lavoratori. Uno dei fattori che lo fanno scaturire è la pressione imposta in termini di tempistiche e la flessibilità richiesta dai datori di lavoro.


Lo scorso agosto il Politecnico di Zurigo è balzato agli onori della cronaca grazie a uno dei suoi professori, l'italiano Alessio Figalli, vincitore della Medaglia Fields. Ma Figalli è solo uno dei 20 professori italiani che lavorano al Politecnico di Zurigo. Inoltre gli italiani iscritti a un corso di master sono raddoppiati dal 2013 al 2017, passando da 109 a 218 studenti. 


La Luxury Goods International (Lgi) delocalizzerà 150 posti di lavoro in Italia. Basato a Cadempino alle porte di Lugano, il gruppo è il principale contribuente del canton Ticino. 


Un quinto degli svizzeri soffre di problemi psichici. Parlarne, per molti di coloro che ne soffrono, resta però un tabù. Lo dice uno studio presentato in occasione della giornata mondiale della salute mentale.


Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.