Navigation

La settimana in Svizzera

L'annuncio del ministro dell'economia elvetico che lascerà la sua funzione entro l'autunno del 2019 e la vicenda delle imprese multate in Engadina sono stati alcuni dei temi dei quali si è discusso in Svizzera negli ultimi sette giorni. Si è inoltre parlato di una vendita controversa in Siria, di una condanna e dello scioglimento dei ghiacciai a causa del quale un rifugio montano italiano... si è ritrovato in Svizzera.

Questo contenuto è stato pubblicato il 29 aprile 2018 - 17:00
tvsvizzera.it/Zz con RSI

Nessun rinnovo del mandato per Johann Schneider-Ammann, che ha deciso i lasciare la sua funzione in seno all'esecutivo federale entro l'autunno del prossimo anno. Schneider-Amman, membro del partito liberale radicale (Plr, destra), era stato presidente della Confederazione nel 2016.

 Sette imprese sono state multate in Engadina dalla commissione della concorrenza dopo che quest'ultima ha scoperto che per anni le aziende hanno manipolato gli appalti in accordandosi sui prezzi.

Nel 2014 la Svizzera ha autorizzato l'esportazione in Siria dell'alcol isopropilico, composto chimico alla base di prodotti per la pulizia e disinfettanti, ma che può essere impiegato anche nella produzione di un gas nervino letale. Secondo la Segreteria di Stato dell'economia una transazione senza alcun legame con il regime siriano, ma Amnesty International denuncia "l'ingenuità" delle autorità elvetiche. 

Il processo terminato venerdì è stato il terzo intentato nei confronti del cittadino svizzero e guatemalteco, ex capo della polizia civile del Guatemala. È stato riconosciuto colpevole di complicità nell'assassinio di sette detenuti.

Lo scioglimento dei ghiacciai dà qualche grattacapo burocratico alla la società proprietaria del rifugio Guide del Cervino (o Testa Grigia), a 3'480 metri sul Plateau Rosa. Secondo le ultime rilevazioni sarebbe "sconfinato" per tre quarti in territorio elvetico.


Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.