Navigation

Il sacrificio di Saman e delle ragazze pakistane per l'integrazione

Hira Afzal, giovane studentessa di origini pakistane, ha aperto un profilo Instagram tramite cui offrire aiuto a tutte le donne obbligate a un matrimonio forzato. @EnricoMarra

L’atroce vicenda di Saman Abbas è parte di un problema grave, esteso, all’interno del quale vanno fatte distinzioni. 

Questo contenuto è stato pubblicato il 18 giugno 2021 - 10:55
Enrico Marra

Il fatto è noto. Lo scorso primo maggio si sono perse le tracce di Saman Abbas la giovane immigrata pakistana di seconda generazione: si ritiene che sia stata uccisa dalla sua famiglia a Novellara, in provincia di Reggio Emilia, per essersi opposta a un matrimonio combinato, forzato.

Il matrimonio combinato è il fulcro delle società, indo-pakistana e bengalese. In quei paesi è l’unico modo di sposarsi e di vivere l’identità culturale che si fonda sul concetto di gruppo. Queste usanze entrano in crisi e si diluiscono, già nel momento in cui le popolazioni delle aree rurali si spostano verso le città. Lo shock culturale all’interno di quelle famiglie raggiunge il massimo quando queste persone emigrano in Europa.

All’interno della comunità pakistana presente in Inghilterra, la più grande, arrivata alla terza generazione, circa milleduecento ragazze, ogni anno, vanno via di casa per evitare i matrimoni combinati.

La comunità pakistana in Italia è la seconda in Europa per dimensione, conta 150 mila persone. Tragedie come quella di cui è stata vittima Saman ne sono già accadute e si registrano diversi casi di giovani donne abusate dalle famiglie per via dei matrimoni combinati. Si è avuta anche notizia di bambine cui è stato negato il diritto allo studio per costringerle a sposarsi nel loro paese d’origine.

Le seconde generazioni e in prima linea le giovani donne, vivono schiacciate, da un lato, dal retroterra culturale da cui provengono e dall’altro dai pregiudizi nei loro confronti, diffusi nel Paese che sentono essere il loro ma che non li riconosce e gli nega ditti fondamentali, partendo da quello di cittadinanza. Da un lato, per sopravvivere devono combattere contro le proprie famiglie. Dall’altro, lottano strenuamente per integrarsi, contro i molti stereotipi cui sono associati.

Ragazze 'contro'

Hira Afzal, giovane studentessa di origini pakistane, vive a Brescia dalla tenera età. Dopo aver vissuto da vicino il caso di una giovane connazionale abusata dalla sua famiglia per un matrimonio forzato, insieme a una sua amica, ha deciso di aprire un profilo Instagram tramite cui offrire aiuto a tutte le donne che si trovano in quelle condizioni.

I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.