La televisione svizzera per l’Italia

Il Governo svizzero vuole stanziare più soldi per traffico merci su rotaia e via acqua

treno merci
Circa il 40% del trasporto merci in Svizzera avviene su rotaia. © Keystone / Christian Beutler

Circa mezzo miliardo di franchi: è quanto il Consiglio federale vuole investire per rendere più efficiente il trasporto ferroviario e via nave.

“Il traffico merci ferroviario riveste grande importanza per l’economia nazionale, poiché circa il 40% di tutte le merci viene trasportato su rotaia”, ha spiegato mercoledì in conferenza stampa il capo del Dipartimento federale dell’ambiente, dei trasporti, dell’energia e delle comunicazioni (DATEC), Albert Rösti, presentando il messaggioCollegamento esterno riguardante la revisione della Legge sul trasporto merci. Questa revisione mira a rendere più efficiente il trasporto merci su rotaia e via acqua.

Contenuto esterno

“Negli ultimi anni le prestazioni di trasporto del traffico merci svizzero su strada e su rotaia si sono attestate tra 28 e 30 miliardi di tonnellate-chilometro”, ha precisato il ministro dei trasporti. “Ma si può fare di più”, ha aggiunto. È necessario adeguare questo sistema di spostamento all’era moderna avvalendosi della digitalizzazione e impiegando nuove tecnologie.

Una di queste è l’accoppiamento automatico digitale (DAC), una componente innovativa per agganciare e sganciare automaticamente materiale rotabile – operazione che oggi avviene manualmente – in un treno merci digitalmente (alimentazione elettrica e collegamento dati), che consente di rendere il traffico merci su rotaia più efficiente. La conversione dei carri e delle locomotive al DAC è prevista in tutta Europa entro il 2033 circa.

Altri sviluppi
camion all entrata di una galleria

Altri sviluppi

La tassa sul traffico pesante in Svizzera va aumentata

Questo contenuto è stato pubblicato al Il Governo svizzero propone un aumento del 5% della tassa sui camion per potenziare il trasferimento del trasporto merci dalla strada alla ferrovia.

Di più La tassa sul traffico pesante in Svizzera va aumentata

Coordinazione con l’UE

Poiché numerosi treni merci circolano a livello transfrontaliero, è indispensabile procedere in modo coordinato con i Paesi limitrofi e con l’Unione Europea. Davanti ai media, Rösti ha spiegato di essere già in contatto con i ministri dei trasporti austriaci e tedeschi.

Stando all’Ufficio federale dei trasporti (UFT), in Svizzera dovranno essere equipaggiati con il DAC circa 15’000 carri e 520 locomotive. Al momento, in Svizzera, in ambito di progetti pilota, circa 50-60 vagoni sono dotati di questo sistema. “Il governo propone ora di sostenere l’adeguamento con un contributo d’investimento una tantum di 180 milioni di franchi”, ha spiegato Rösti.

Trasporto in carri completi isolati

“Un ulteriore obiettivo è l’ammodernamento del trasporto in carri completi isolati” (TCCI), ha poi spiegato il consigliere federale. Un trasporto – oggi gestito da FFS Cargo – che adempie funzioni importanti nella logistica e contribuisce in maniera sostanziale alla garanzia dell’approvvigionamento del Paese in beni.

“Nella sua forma attuale, però, non ha futuro sul mercato”. Per tale motivo, “il Consiglio federale prevede di incentivarlo finanziariamente per un periodo limitato di otto anni, affinché a medio termine possa acquisire autonomia finanziaria. Per i primi quattro anni il governo chiede 260 milioni di franchi”.

A tempo indeterminato – ha aggiunto il responsabile del DATEC – sono invece previsti contributi di trasbordo e di carico e un’indennità per i costi non coperti dell’offerta di trasporto merci ordinata, per un totale di 60 milioni di franchi l’anno.

Navigazione sul Reno

Il Consiglio federale intende inoltre rafforzare la navigazione sul Reno con diverse misure e creare le basi legali per promuovere sistemi di propulsione senza carburanti fossili per i battelli impiegati nel traffico merci. Lo scopo – ha precisato il “ministro” – è che navigazione e ferrovia in futuro possano contribuire ancora di più alla sicurezza dell’approvvigionamento in tutte le regioni. I porti renani ricoprono un ruolo importante per le importazioni e le esportazioni, soprattutto tra la Svizzera e i Paesi d’oltremare.

Nel 2018, la Svizzera e gli altri quattro Stati membri della Commissione centrale per la navigazione del Reno hanno stabilito che le emissioni della navigazione interna dovranno essere per lo più azzerate entro il 2050. In tale contesto, l’esecutivo si propone di istituire le basi per il promovimento finanziario dell’infrastruttura portuale per il trasporto di merci sul Reno

“Sarà così ulteriormente potenziata l’interazione tra ferrovia, idrovia e strada nella logistica a favore anche del trasferimento del traffico merci dalla strada agli altri due vettori”, ha sottolineato il ministro dei trasporti.

Nessun aggravio nel bilancio

Il Consiglio federale intende compensare totalmente le uscite supplementari, affinché il bilancio generale della Confederazione non sia ulteriormente gravato.

A tal fine, ha spiegato Rösti, sarà impiegata una parte degli introiti dalla tassa sul traffico pesante commisurata alle prestazioni, che in caso contrario confluirebbe nel Fondo per l’infrastruttura ferroviaria.

Attualità

Manifestanti eritrei sulla Piazza federale.

Altri sviluppi

Gli eritrei manifestano per i loro diritti in Svizzera

Questo contenuto è stato pubblicato al Le e i partecipanti hanno contestato a Berna i ventilati respingimenti verso Stati terzi e l'obbligo del passaporto per l'ottenimento del permesso di soggiorno.

Di più Gli eritrei manifestano per i loro diritti in Svizzera
Due pompieri osservano la portata del Rodano nei pressi di Sierre.

Altri sviluppi

Maltempo, situazione in lento miglioramento in Vallese

Questo contenuto è stato pubblicato al Nonostante il lieve calo delle acque del Rodano e dei suoi affluenti, il livello di allarme e lo stato d'emergenza non vengono revocati.

Di più Maltempo, situazione in lento miglioramento in Vallese
Bimbi attorno a un cratere formato dalle bombe israeliane.

Altri sviluppi

Bombe vicino alla Croce Rossa a Gaza

Questo contenuto è stato pubblicato al L'esercito israeliano è tornato a bombardare pesantemente Gaza la scorsa notte: i morti sono almeno 22 e i feriti 45.

Di più Bombe vicino alla Croce Rossa a Gaza
Due veicoli della polizia in centro a Zurigo.

Altri sviluppi

‘ndrangheta, indagate tre persone residenti in Svizzera

Questo contenuto è stato pubblicato al L'Antimafia di Catanzaro chiede assistenza giudiziaria a Berna nell'ambito di un'indagine sulla cosca Maiolo, perquisizioni a Zurigo, Berna e Turgovia.

Di più ‘ndrangheta, indagate tre persone residenti in Svizzera
Interventi nei pressi della centrale idroelettrica a Vissoie nella val d'Anniviers (Vallese).

Altri sviluppi

Maltempo, sfollate 230 persone in Vallese

Questo contenuto è stato pubblicato al Il cantone bilingue è la zona più colpita da frane e inondazioni dovute alle intense precipitazioni di questi giorni. Zermatt isolata a causa degli smottamenti e dell'esondazione della Vispa. Preoccupano i corsi d'acqua delle valli laterali.

Di più Maltempo, sfollate 230 persone in Vallese
Donna in carrozzina.

Altri sviluppi

L’80% delle stazioni accessibili alle persone disabili

Questo contenuto è stato pubblicato al I recenti interventi di adeguamento negli scali ferroviari e alle fermate periferiche hanno migliorato l'agibilità degli stessi ma non sono stati rispettati gli obiettivi legali.

Di più L’80% delle stazioni accessibili alle persone disabili
I legali della potente famiglia Hinduja, Nicolas Jeandin (sinistra) e Robert Assael, che hanno preannunciato ricorso.

Altri sviluppi

La potente famiglia Hinduja condannata per usura

Questo contenuto è stato pubblicato al Il Tribunale di Ginevra infligge pesanti pene detentive a quattro componenti della ricchissima famiglia indiana per aver sfruttato i domestici, pagati tra i 200 e i 400 franchi al mese.

Di più La potente famiglia Hinduja condannata per usura
Rishi Sunak

Altri sviluppi

Sul Partito conservatore britannico si abbatte lo scandalo scommesse

Questo contenuto è stato pubblicato al A due settimane dalle elezioni, il partito del premier Rishi Sunak non solo è dato ai minimi storici, ma è anche scombussolato dalle dimissioni di direttore della campagna elettorale Tony Lee, coinvolto nello scandalo delle scommesse fatte sulla data del voto.

Di più Sul Partito conservatore britannico si abbatte lo scandalo scommesse
Zermatt

Altri sviluppi

Rischio esondazioni, Zermatt tagliata fuori dal mondo

Questo contenuto è stato pubblicato al Da venerdì mattina, la località turistica ai piedi del Cervino è inaccessibile. A causa del rischio di esondazione del torrente Vispa, nessun treno circola tra Visp e Zermatt, che non è raggiungibile neppure via strada a causa di smottamenti nella località.

Di più Rischio esondazioni, Zermatt tagliata fuori dal mondo
donald sutherland

Altri sviluppi

Il cinema in lutto per la scomparsa di Donald Sutherland

Questo contenuto è stato pubblicato al L'attore canadese è morto giovedì all'età di 88 anni. Dopo gli esordi teatrali e parti minori, Sutherland conobbe il successo alla fine degli anni '60, con La sporca dozzina e Mash.

Di più Il cinema in lutto per la scomparsa di Donald Sutherland

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Se volete segnalare errori fattuali, inviateci un’e-mail all’indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR