La televisione svizzera per l’Italia

Il ghiacciaio del Corvatsch in Engadina è scomparso

Teloni bianchi stesi sul ghiacciao del Corvatsch per proteggere il ghiacciaio da un ccelere scioglimento
Teloni bianchi stesi sul ghiacciao del Corvatsch per proteggere il ghiacciaio da un ccelere scioglimento erano stati posati già oltre 10 anni fa. Keystone / Arno Balzarini

La misurazione del ghiacciaio del Corvatsch non è più possibile: quest'estate il suo scioglimento è stato così massiccio che il programma di rilevamento dei dati al Vadret dal Corvatsch, nel massiccio del Bernina, nel cantone dei Grigioni, non può più essere portato avanti in quanto non c'è ghiaccio nei punti di misurazione, ha riferito il glaciologo Matthias Huss.

L’unica cosa che resta da fare per la squadra è raccogliere tutto il materiale e sgomberarlo, indica all’agenzia tedesca Dpa Huss, responsabile della rete svizzera di monitoraggio dei ghiacciai “Glacier Monitoring Switzerland” (Glamos).

Huss ha definito estrema la perdita di ghiaccio registrata quest’estate sui ghiacciai più piccoli: “Quello che vediamo è più grave di qualsiasi cosa pensassimo possibile finora”, ha detto. Al Corvatsch si sono sciolti alcuni strati di ghiaccio che si trovavano lì da circa 7’000 anni.

Il fatto che i dispositivi di misurazione del Corvatsch debbano essere smantellati non è una sorpresa. Già nel 2019 è stato deciso di eliminare gradualmente i programmi di misurazione su tre ghiacciai minori: il Vadret dal Corvatsch, il ghiacciaio del Pizol e lo Schwarbachfirn.

Tuttavia, poiché l’anno scorso le percentuali di scioglimento sono state inferiori agli anni precedenti, si sperava che le misurazioni potessero essere effettuate ancora per un po’, ha detto Huss.

Con lo scioglimento, anche il paesaggio è cambiato drammaticamente, ha sottolineato. Il ghiaccio, già sottile, è scomparso in molti punti. Sul Corvatsch, una cresta millenaria è quasi completamente sparita. Solo un piccolo residuo è ancora visibile.

Nell’ambito di Glamos, i glaciologi misurano da decenni i ghiacciai per studiare i cambiamenti a lungo termine nelle Alpi svizzere. Glamos è gestito congiuntamente dal Politecnico federale di Zurigo (ETH) e dalle Università di Friburgo e Zurigo ed è in stretto contatto con la Commissione di esperti di criosfera.

I ghiacciai perdono metà del loro volume

l ritiro dei ghiacciai non è un fenomeno nuovo: secondo uno studio pubblicato all’inizio di agosto dal Politecnico federale di Zurigo e dall’Istituto federale di ricerca per la foresta, la neve e il paesaggio, il volume dei ghiacciai svizzeri si è dimezzato tra il 1931 e il 2016.

Anche se alcune masse di ghiaccio sono cresciute negli anni ’20 e ’80, il clima del Ventesimo secolo è stato generalmente sfavorevole per i ghiacciai, secondo lo studio. Nel corso del tempo, si sono sciolti sempre più velocemente.

L’analisi ha anche dimostrato che non tutti i ghiacciai erano colpiti allo stesso modo dalla contrazione. L’entità dello scioglimento di un ghiacciaio dipende dall’altitudine alla quale si trova, da quanto è piatta la lingua e da quanto è coperta di detriti.
 

Attualità

Soccorritori a bordo del fiume dove sono scomparsi i due bus.

Altri sviluppi

Due bus travolti da una frana in Nepal, 66 persone disperse

Questo contenuto è stato pubblicato al Due autobus su cui viaggiavano 24 e 42 persone sono improvvisamente stati travolti da una frana e sono precipitati in un fiume. L’incidente è avvenuto venerdì a Simaltal, a circa 120 chilometri a ovest della capitale del Nepal, Kathmandu.

Di più Due bus travolti da una frana in Nepal, 66 persone disperse
L'impalcatura crollata.

Altri sviluppi

Crolla un’impalcatura a Prilly vicino a Losanna, morte tre persone

Questo contenuto è stato pubblicato al Due persone sono morte venerdì mattina nel crollo di un'impalcatura a Prilly, ad ovest di Losanna. Quattro persone sono rimaste gravemente ferite e altre cinque hanno riportato lesioni minori.

Di più Crolla un’impalcatura a Prilly vicino a Losanna, morte tre persone
Una vettura della polizia di San Gallo.

Altri sviluppi

Un uomo ferisce con un machete cinque persone a San Gallo

Questo contenuto è stato pubblicato al Un uomo di 34 anni ha ferito ieri sera con un machete cinque persone, alcune delle quali gravemente, all'interno e all'esterno di un condominio di San Gallo.

Di più Un uomo ferisce con un machete cinque persone a San Gallo
Il learning center del politecnico federale di Losanna.

Altri sviluppi

Le rette dei politecnici federali triplicheranno per gli stranieri

Questo contenuto è stato pubblicato al Per gli studenti stranieri frequentare i politecnici di Losanna e Zurigo sarà decisamente più caro. Il Consiglio dei Politecnici federali (PF) in accordo con il Parlamento vuole triplicare le tasse di iscrizione.

Di più Le rette dei politecnici federali triplicheranno per gli stranieri
Giorgio Armani.

Altri sviluppi

I novant’anni dello stilista Giorgio Armani

Questo contenuto è stato pubblicato al Nato a a Piacenza nel 1934, Armani è a capo di un gruppo fieramente indipendente, simbolo del made in Italy. Lo stilista italiano è ancora deciso a rimanere alla guida del gruppo, sebbene il momento di lasciare le redini si avvicina sempre di più.

Di più I novant’anni dello stilista Giorgio Armani
Case distrutte in Val Bavona.

Altri sviluppi

Danni per maltempo stimati fino a 200 milioni

Questo contenuto è stato pubblicato al Il maltempo che da metà giugno a inizio luglio si è abbattuto sulla Svizzera, in particolare sul Ticino e il Vallese, ha causato danni assicurati per un totale di 160-200 milioni di franchi.

Di più Danni per maltempo stimati fino a 200 milioni
Tutti gli invitati al vertice della Nato davanti alla Casa Bianca per la foto di rito.

Altri sviluppi

Dalla Nato 40 miliardi di euro in aiuti militari all’Ucraina

Questo contenuto è stato pubblicato al I Paesi della Nato si sono impegnati a dare all'Ucraina almeno 40 miliardi di euro in aiuti militari "entro il prossimo anno" per sostenerla nella guerra contro la Russia.

Di più Dalla Nato 40 miliardi di euro in aiuti militari all’Ucraina
Il ponte distrutto dal maltempo vicino a Cevio in Vallemaggia.

Altri sviluppi

La strategia per meglio allertare la popolazione passa dal telefonino

Questo contenuto è stato pubblicato al La Confederazione ha presentato la sua nuova strategia per informare meglio la popolazione in caso di pericolo. Oltre ai tradizionali allarmi diffusi via app, radio o tramite sirene, in futuro verrà introdotto un nuovo sistema di allerta.

Di più La strategia per meglio allertare la popolazione passa dal telefonino

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Se volete segnalare errori fattuali, inviateci un’e-mail all’indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR