Navigation

Dallo scioglimento dei ghiacciai nasceranno centinaia di laghetti

Un laghetto formato dallo scioglimenti del ghiacciao del Rodano, sopra Gletsch sul Passo del Furka © Keystone / Urs Flueeler

Centinaia di nuovi laghi glaciali potrebbero formarsi in Svizzera entro il 2100. Molti avranno però vita breve. Quasi la metà alla fine del secolo sarà infatti già scomparsa, riempita dal materiale di erosione.

Questo contenuto è stato pubblicato il 16 luglio 2022 - 12:30
tvsvizzerait/fra

Lo scenario è stato elaborato dagli scienziati del team del glaciologo Daniel Farinotti del Politecnico federale di Zurigo (ETH) e dell'Istituto federale di ricerca per la foresta, la neve e il paesaggio (WSL). Grazie a modelli che tengono conto della possibile evoluzione delle emissioni di CO2, hanno calcolato che si creeranno tra i 380 (se si adotteranno misure importanti per proteggere il clima) e i 655 nuovi laghi (se non si farà nulla contro il cambiamento climatico). Potenzialmente, se i ghiacciai svizzeri dovessero sciogliersi del tutto, potrebbero generare 683 laghi con una superficie superiore a 5'000 metri quadrati e una profondità di oltre cinque metri

Contenuto esterno

I nuovi laghi si formerebbero prevalentemente nel bacino idrografico del Rodano, indicano in una pubblicazione sulla rivista Earth Surface Dynamics.

I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?