La televisione svizzera per l’Italia

Ignazio Cassis non esclude il rinvio della conferenza per la pace in Ucraina

ignazio cassis
Cassis: "Stiamo lavorando senza sosta da gennaio" KEYSTONE/© KEYSTONE / PETER SCHNEIDER

Il capo della diplomazia svizzera non esclude che l'evento possa slittare nel 2025. Ne ha parlato giovedì a Nairobi, mentre completava il suo tour dell'Africa orientale.

Ignazio Cassis ha dichiarato in una conferenza stampa a Nairobi che a prescindere dal numero di viaggi diplomatici che compie, non è facile mobilitare le persone a partecipare alla conferenza sulla pace in Ucraina, inizialmente prevista per quest’estate in Svizzera. Né tantomeno è facile conciliare le posizioni dei due schieramenti. Berna si concede quindi più tempo per riflettere.

“Da qui a metà aprile decideremo cosa fare. Procediamo con la conferenza, sì o no? La rimandiamo? Oppure ne organizziamo due, per avere le due parti [Russia e Ucraina, ndr], anche se separatamente? Al momento ci troviamo in una fase intermedia, che chiamiamo esplorativa”, ha dichiarato venerdì alla trasmissione La Matinale della Radiotelevisione della Svizzera romanda RTS il capo del Dipartimento federale degli affari esteri (DFAE).

+ Un vertice in Svizzera potrebbe portare la pace in Ucraina?

“Stiamo lavorando come matti dalla metà di gennaio, per parlare, ascoltare, capire, vedere chi è disposto a muoversi e come”, ha sottolineato il ticinese.
“E tutti ovviamente si guardano, si valutano. Per noi è importante che ognuno riconosca la legittimità dell’approccio elvetico e sia contento che la Svizzera proceda in tal senso. Ma nessuno sa quale sia la strada giusta, e questa è la difficoltà del compito”, commenta.

Mobilitare i BRICS

Questo viaggio è stato l’occasione per il capo della diplomazia elvetica di mobilitare la partecipazione dei Paesi al suo progetto di conferenza, in un continente in cui il conflitto in Ucraina ha provocato divisioni fin dall’inizio.

“Ne ho parlato in Etiopia. Perché proprio l’Etiopia? Perché l’Etiopia è entrata a far parte dei BRICS (un vertice di 10 Paesi – tra cui Brasile, Russia, India e Cina – che si riuniscono in summit annuali, ndr)”, spiega Ignazio Cassis.

Tuttavia, la conferenza sulla guerra in Ucraina solleva la questione del sostegno degli Stati membri del Sud globale, in assenza di quello della Russia. “C’è ovunque la volontà di contribuire. Ma c’è anche da parte di alcuni Stati un desiderio non sempre compatibile, ad esempio con l’Occidente, gli statunitensi o l’Unione europea”, prosegue il consigliere federale.

Mentre alcune grandi potenze restano difficili da mobilitare, gli Stati Uniti hanno già confermato di voler svolgere un ruolo in questa conferenza.

Il possibile rinvio della conferenza di pace in Ucraina, prevista per quest’estate, non ha mancato di suscitare reazioni nella Berna federale.

Il consigliere nazionale ginevrino dei Verdi, Nicolas Walder, lo vede già come un’ammissione di fallimento, sebbene Cina e India rimangano aperte alla partecipazione. A suo avviso, una conferenza di pace sarebbe utile anche se i Paesi occidentali fossero gli unici a parteciparvi.

Dal canto suo, Pierre-André Page, consigliere nazionale democentrista (UDC, destra conservatrice) di Friburgo, ritiene che la Confederazione abbia perso l’opportunità di svolgere un ruolo di pace scegliendo di schierarsi per l’adozione delle sanzioni europee contro la Russia. Rinviare l’evento o organizzare due conferenze non cambierebbe nulla.

I deputati sperano di avere ulteriori spiegazioni lunedì, quando incontreranno Ignazio Cassis in seno alla Commissione di politica estera del Consiglio nazionale.

Attualità

bandiere in un viale

Altri sviluppi

Le spie vanno espulse sistematicamente

Questo contenuto è stato pubblicato al Il Consiglio degli Stati ha approvato lunedì una mozione che prevede di rafforzare i meccanismi di espulsione per gli agenti stranieri.

Di più Le spie vanno espulse sistematicamente
Tre donne prese di schiena in un centro federale d'accoglienza.

Altri sviluppi

Le donne afghane continueranno a ricevere asilo in Svizzera

Questo contenuto è stato pubblicato al Le donne afgane continueranno in linea di principio a ricevere asilo in Svizzera. La prassi attuale della Segreteria di Stato della migrazione (SEM) potrà essere sostanzialmente mantenuta.

Di più Le donne afghane continueranno a ricevere asilo in Svizzera
Un treno entra in una stazione di periferia.

Altri sviluppi

Mezzi pubblici regionali un po’ meno puntuali

Questo contenuto è stato pubblicato al Per l'insieme della Svizzera, il 94,46% dei treni è arrivato a destinazione con meno di tre minuti di ritardo rispetto all'orario stabilito, contro il 94,92% nell'anno precedente. Nel settore degli autobus, il numero delle corse puntuali si situa sotto la soglia del 90%.

Di più Mezzi pubblici regionali un po’ meno puntuali
Un cacciatore.

Altri sviluppi

Caccia alta nei Grigioni aperta anche ai lupi

Questo contenuto è stato pubblicato al L'abbattimento dei lupi nei Grigioni, a determinate condizioni, sarà estesa quest'autunno per la prima volta ai titolari delle patenti per la caccia alta.

Di più Caccia alta nei Grigioni aperta anche ai lupi
baume schneider su schermi durante discorso

Altri sviluppi

Baume-Schneider: “Al mondo serve un accordo anti-pandemia”

Questo contenuto è stato pubblicato al La consigliera federale e direttrice del Dipartimento federale dell'interno (DFI) Elisabeth Baume-Schneider ha invitato i membri dell'OMS a impegnarsi per un'intesa contro le pandemie.

Di più Baume-Schneider: “Al mondo serve un accordo anti-pandemia”

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Se volete segnalare errori fattuali, inviateci un’e-mail all’indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR