I tempi cambiano Capanne confort e high-tech per i pastori in montagna

Le capanne concepite da un falegname del cantone Vaud, trasportate in elicottero in montagna durante l'estate forniscono un nuovo confort ai pastori. 


Equipaggiate con pannelli solari, delle nuove capanne stanno cambiando la vita dei pastori. Offrono anche l'elettricità ai loro occupanti. "Posso anche ricaricare il natel", dice un pastore alla Radiotelevisione svizzera. Ma non è tutto. "C'è anche una stufa a legna. C'è un letto e si è al riparo quando fa brutto. È il massimo!".

Questi rifugi confortevoli sono costruiti da un falegname di Les Diablerets (nel cantone Vaud) Bruno Morerod che ne ha già consegnato una decina e sta costruendo la sua quindicesima capanna.

Le ordinazioni arrivano da Vaud, Vallese, Ticino e Francia. I modelli costano tra i 16'000 e i 20'000 franchi e non superano gli 850 kg di peso per poter essere trasportati in elicottero. Devono anche recuperarle a fine stagione. Una "transumanza" che costa 40 franchi per minuto di volo più un forfait. Alcuni dubitano oltretutto che sia una soluzione ecologica. 

Nonostante tutto ciò, chi le ha acquistate sembra esserne contento. "Un pastore per quindici anni aveva dormito sotto quattro lamiere appoggiate a una roccia", racconta Morerod. "Quando gli abbiamo consegnato la capanna, vi giuro che si è messo a piangere". 


Parole chiave