La televisione svizzera per l’Italia

Gravi carenze di gestione del personale presso il servizio di intelligence svizzero

uomo
Christian Dussey dirige il SIC dall'aprile 2022. KEYSTONE/© KEYSTONE / ALESSANDRO DELLA VALLE

Il Servizio delle attività informative della Confederazione (SIC) palesa alcune gravi carenze a livello di gestione del personale. È il giudizio cui giunge il rapporto 2023 dell'Autorità di vigilanza indipendente sulle attività informative (AVI-AIn).

Le lacune constatate presso il SIC devono essere eliminate con urgenza, stando al documentoCollegamento esterno diffuso martedì, dal momento che il servizio di intelligence può incorrere in rischi per la sua sicurezza: tradimento, furto di dati o spionaggio. Inoltre, come accaduto, personale insoddisfatto rischia di dimettersi.

Questi rischi sono aumentati negli ultimi anni, sottolinea il rapporto che cita il flagrante incremento delle segnalazioni di insoddisfazione all’interno dei ranghi del SIC, i numerosi avvicendamenti ai piani alti, i risultati dell’ultimo sondaggio svolto fra il personale e le significative fluttuazioni all’interno del SIC in generale.

+ Il SIC in dieci domande e risposte

Pur tenendo conto della trasformazione in corso in seno al SIC, l’autorità di sorveglianza ha individuato “gravi carenze” nei fascicoli del personale, e la relativa documentazione, come anche nello svolgimento dei colloqui e nelle valutazioni.

Le risorse umane vanno riviste affinché possano svolgere correttamente i compiti associati al reclutamento, alla gestione e alla partenza dei dipendenti. “Questa rivalutazione è essenziale se il SIC vuole completare la sua trasformazione”.

Contenuto esterno

L’autorità di vigilanza si è anche occupata delle attività d’archiviazione. Nel 2020-2021 aveva esaminato il caso Crypto, raggiungendo un’intesa sul trasferimento dei documenti del SIC all’Archivio federale.

+ Ginevra è uno dei principali crocevia dello spionaggio

Si è anche verificato se alcuni documenti fossero stati rimossi o distrutti prima o dopo essere stati offerti all’archivio o dopo il riconoscimento del loro valore storico. Stando all’AVI-AIn, la situazione è migliorata: il lavoro di archiviazione – che copre il periodo 1938-2021 – ha registrato progressi significativi ed è tutt’ora in corso.

Nel 2023, l’autorità ha anche esaminato la ricerca di informazioni open-source (ossia disponibili per chiunque) da parte dei SIC. Le possibilità di raccogliere dati sono pressoché illimitate per i servizi di intelligence incrociando le informazioni diffuse dai media, oppure consultando i registri delle autorità federali e cantonali, cui si aggiungono i dati personali che gli individui mettono a disposizione del pubblico.

Esaminando un certo numero di queste ricerche non sono state riscontrate attività di ricerca illegali. Tuttavia, il quadro giuridico di queste operazioni deve essere meglio definito: senza limiti chiari sulla necessità di ottenere o meno un’autorizzazione preventiva c’è il rischio di una raccolta illegale di dati.

Un altro aspetto analizzato riguarda l’individuazione precoce di un problema, attività essenziale per consentire al SIC di reagire in modo rapido ed efficace. A tale proposito, stando all’autorità di vigilanza c’è ancora un po’ di strada da fare per colmare il divario fra la teoria e la realtà.

Nel 2023, l’AVI-AIn ha dato avvio a una serie di ispezioni che riguardano la presunta ricerca illegale di informazioni da parte dell’unità cyber del SIC, oggetto di diversi reportage nei media, e la cooperazione con privati, ossia tutto ciò che non è considerato un servizio ufficiale svizzero o estero. Il rapporto, disponibile nel 2024, dovrà anche appurare in che misura l’attacco informatico subito dall’impresa Xplain abbia coinvolto il SIC.

Attualità

La locomotiva Re 4/4 II

Altri sviluppi

Un’icona svizzera viaggia verso la pensione

Questo contenuto è stato pubblicato al Le locomotive RE 4/4 II dopo oltre 60 anni di apprezzata carriera nei prossimi anni verranno dismesse dalle Ferrovie federali svizzere.

Di più Un’icona svizzera viaggia verso la pensione
I soccorritori sul luogo dell'incidente dell'elicottero in cui viaggiava il presidente Raisi.

Altri sviluppi

Teheran conferma la morte del presidente Raisi

Questo contenuto è stato pubblicato al Il leader iraniano è morto nell'elicottero caduto in una regione montuosa nei pressi del confine con l'Azerbaigian.

Di più Teheran conferma la morte del presidente Raisi
Panoramica del teatro romano di Augusta Raurica, vicino a Basilea.

Altri sviluppi

La vita quotidiana dei romani ad Augusta Raurica

Questo contenuto è stato pubblicato al Nella Giornata internazionale dei musei, rievocazioni e laboratori per imparare a fare il pane o a decorare calici come si faceva duemila anni fa.

Di più La vita quotidiana dei romani ad Augusta Raurica
Elisabeth Baume-Schneider e Carine Bachmann

Altri sviluppi

“Il cinema svizzero può fiorire”

Questo contenuto è stato pubblicato al La consigliera federale Elizabeth Baume-Schneider, presente al Festival di Cannes, si dice fiduciosa per il futuro del cinema rossocrociato.

Di più “Il cinema svizzero può fiorire”
fotografie degli ostaggi di hamas

Altri sviluppi

Ostaggi in mano a Hamas, trattative sospese

Questo contenuto è stato pubblicato al Le trattative per la liberazione degli ostaggi in mano ad Hamas sono state sospese. Ad annunciarlo un'emittente israeliana.

Di più Ostaggi in mano a Hamas, trattative sospese

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Se volete segnalare errori fattuali, inviateci un’e-mail all’indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR