Navigation

Giro di vite sui permessi per stranieri

Per il Consiglio Nazionale l'integrazione deve essere un requisito indispensabile per l'ottenimento della residenza

Questo contenuto è stato pubblicato il 14 settembre 2016 - 21:09

Solo gli stranieri realmente integrati dovrebbero ottenere un'autorizzazione a risiedere in Svizzera. Lo ha deciso il Consiglio nazionale nell'ambito della lunga discussione in merito alla legge sull'integrazione di stranieri.

L'entrata in materia su questo tema era già stata approvata nel 2014 ma poi l'esame particolareggiato era stato rinviato.

Il Governo voleva la concessione del permesso C (quello di domicilio) a persone che sono integrate e vivono da 10 anni in Svizzera. Oggi questa concessione avviene ma non è un diritto. Come gli Stati anche l'altra Camera ha bocciato (con 125 voti contro 65) il diritto automatico al permesso C.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.