Fatturato semestrale +16% Metallurgia e meccanica svizzere in ripresa

Braccio meccanico svolge una non precisata attività all interno di una teca; persone osservano da fuori

Un momento della Giornata dell'industria organizzata da Swissmem lo scorso giugno a Zurigo

Keystone

Nel primo semestre di quest'anno, il fatturato dell'industria svizzera delle macchine, elettrotecnica e metallurgica (MEM) è cresciuto del 16% rispetto allo stesso periodo 2017. Gli ordinativi hanno registrato un +24%.

Entrambi i parametri hanno raggiunto il valore più alto degli ultimi dieci anni, ha reso notoLink esterno martedì Swissmem, associazione padronale di un settore che -poggiando per l'80% sul commercio estero- ha sofferto particolarmente della forza del franco.

Le esportazioniLink esterno sono aumentate del 7,5% a 34,8 miliardi, trascinate da un +9% nell'UE e +7% negli USA. Più contenuto il dato dell'Asia, +1,5%, nonostante l'export MEM verso la Cina sia aumentato dell'11%: ha pesato in particolare il regresso del Medio Oriente.

Swissmem, che prevede un andamento simile per almeno i prossimi 9-12 mesi, rende noto che tra gennaio e marzo il ramo dava lavoro a 325'500 persone: il 2,6% in più del primo trimestre 2017.

Serve personale specializzato

Nel secondo trimestre 2018, il tasso d'utilizzo degli impianti ha raggiunto il 92%, valore nettamente superiore alla media pluriennale che è dell'86%.

Per Swissmem, una delle principali sfide del settore sarà ora la mancanza di personale specializzato. 

Per questo, l'organizzazione sta lavorando a un'iniziativa per la riconversione professionale e ha introdotto nel contratto collettivoLink esterno misure per favorire la formazione continua dei dipendenti.

Parole chiave