La televisione svizzera per l’Italia

“Dry January”, un mese senza alcol

Un uomo nell ombra assaggia un vino bianco.
Un gesto a cui molti rinunciano, almeno durante il mese di gennaio. © Keystone / Michael Buholzer

Dopo gli eccessi di Natale e Capodanno, a gennaio c'è chi sceglie di non toccare alcolici per tutto il mese. Sono infatti molte le persone, anche in Svizzera, che prendono parte al cosiddetto 'Dry January', un movimento internazionale partito dieci anni fa dalla Gran Bretagna.

E rinunciando per un mese alle bevande alcoliche, sembra che non manchino gli effetti positivi: “Lo scorso anno, molti partecipanti hanno dichiarato di essersi sentiti più lucidi, più sani, di aver dormito meglio, di aver risparmiato soldi e aver bevuto meno per tutto l’anno” afferma Monique Portner-Helfer, portavoce di Dipendenze Svizzera.

Contenuto esterno

Come funziona?

Il Dry January prevede l’iscrizione tramite un’apposita app. E poi si tratta di tenere duro fino alla fine del mese. Non bisogna per forza rinunciare a divertirsi. Anzi, ‘Dry JanuaryCollegamento esterno‘ significa anche bere vino, birra o addirittura cocktail senza alcol, bevande che oggi sono sempre più richieste, come conferma il gerente di un bar a Losanna: “Il senza alcol è oggi sempre più importante. E così abbiamo creato una piccola selezione di cocktail”.

“Oggi se non bevi devi sempre avere una scusa: devo guidare, fare sport, prendo farmaci” dice ancora Portner-Helfer. E conclude: “Invece si dovrebbe poter non bere senza doversi giustificare. È questo lo spirito del Dry January”. In Svizzea a partecipare a quest’azione sono circa 6’000 persone.

Attualità

Le cascate del Reno a Sciaffusa.

Altri sviluppi

Le rocce delle cascate del Reno sotto esame

Questo contenuto è stato pubblicato al I geologi misurano le vibrazioni per accertarne la stabilità malgrado l’erosione. Si pensa in particolare alla sicurezza dei turisti.

Di più Le rocce delle cascate del Reno sotto esame
Cozze nel Lago di Costanza.

Altri sviluppi

Specie invasive, una soluzione per le cozze quagga

Questo contenuto è stato pubblicato al La cozza quagga può essere una risorsa naturale da sfruttare come alternativa al cemento o ai comuni fertilizzanti. L'idea di una start-up svizzera.

Di più Specie invasive, una soluzione per le cozze quagga
Soccorritori della Rega.

Altri sviluppi

Alpinista muore sul Cervino

Questo contenuto è stato pubblicato al Un'alpinista è deceduta oggi mentre si trovava sul Cervino. La donna è precipitata per 100 metri morendo sul colpo, riferisce la polizia cantonale vallesana.

Di più Alpinista muore sul Cervino
Un drone nel cielo.

Altri sviluppi

Droni, una campagna per evitare il caos nei cieli

Questo contenuto è stato pubblicato al L'Ufficio federale dell'aviazione civile detta le istruzioni per l'uso corretto degli apparecchi volanti pilotati a distanza.

Di più Droni, una campagna per evitare il caos nei cieli
Una farmacista davanti a una scansia di farmaci.

Altri sviluppi

L’autorizzazione dei medicinali in Svizzera più lenta che in Ue

Questo contenuto è stato pubblicato al L'omologazione di un farmaco in Svizzera, indica uno studio condotto dall'industria farmaceutica e da Swissmedic, richiede in media 249 giorni in più rispetto all'Unione Europea.

Di più L’autorizzazione dei medicinali in Svizzera più lenta che in Ue

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Se volete segnalare errori fattuali, inviateci un’e-mail all’indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR