La televisione svizzera per l’Italia

Divieto di pubblicizzare le sigarette, “la legge prevede troppe scorciatoie”

L'iniziativa chiedeva di vietare ogni tipo di pubblicità che può "raggiungere" i giovani, il che rappresenta una definizione molto ampia.
L'iniziativa chiedeva di vietare ogni tipo di pubblicità che può "raggiungere" i giovani, il che rappresenta una definizione molto ampia. KEYSTONE/© KEYSTONE / CHRISTIAN BEUTLER


Due anni fa, la popolazione ha approvato l'iniziativa "Giovani senza tabacco". Ma ora l'applicazione della legge delude i promotori.

Il comitato promotore dell’iniziativa “Giovani senza tabacco”, accolta dal popolo due anni fa, è deluso: la legge d’applicazione in discussione in parlamento presenta troppe scorciatoie, consentendo ancora la pubblicità per sigari e sigarette.

In particolare, ha sostenuto davanti ai media l’ex consigliere agli Stati bernese Hans Stöckli (PS), per la promozione e la sponsorizzazione la Commissione della sanità del Consiglio nazionale vorrebbe introdurre eccezioni nelle legge sul tabacco che, secondo gli esperti di diritto consultati dal comitato, sono incostituzionali.

Volontà popolare aggirata

Dopo la soddisfazione seguita al successo di due anni fa con oltre il 56% di “sì alla nostra proposta e 15 Cantoni a favore, ha sottolineato Stöckli, è seguita la delusione per quanto sta accadendo in parlamento, una delusione tale da non “farci più dormire”. Insomma, la prima iniziativa nel campo della prevenzione rischia di venir annacquata a tal punto da non assomigliare più al testo sottoposto al giudizio del popolo.

+ La popolazione elvetica è sana ma aumenta la sofferenza tra le giovani

L’ex senatore ha rammentato che la Svizzera annovera circa un milione di fumatori, molti dei quali giovani. Grazie alla nostra iniziativa, ha spiegato, potremmo proteggere circa 100’000 giovani dal fumo e, a lungo termine, ridurre il numero di tabagisti di un quarto, risparmiando miliardi di franchi in cure mediche. Purtroppo però, appellandosi alla libertà economica, il parlamento ha introdotto delle scappatoie nella revisione della legge che non rispettano la volontà popolare. L’iniziativa va applicata così com’è, tenuto conto del testo, adamantino nella sua formulazione.

Iniziativa, applicazione problematica

A tale riguardo, l’autore della proposta di modifica costituzionale, Thomas Gächter, professore di diritto all’Università di Zurigo, ha ricordato che l’iniziativa vieta ogni tipo di pubblicità che può “raggiungere” i giovani. Si tratta di una formulazione assai ampia che riguarda ogni tipo di pubblicità, ha sottolineato.

+ Svizzera penultima in Europa per la prevenzione del tabagismo

Purtroppo, consentendo la sponsorizzazione di manifestazioni come gli Open Air, o la vendita itinerante in luoghi pubblici, tale divieto viene aggirato. Insomma, il parlamento sta compiendo un passo indietro, rispetto alla volontà espressa dal popolo. Per l’accademico, edulcorando il divieto di sponsoring il parlamento non rispetta la Costituzione, come d’altronde confermato da un rapporto del gennaio scorso dell’Ufficio federale di giustizia.

Tra gli aspetti problematici, Gächter ha citato anche la pubblicità inserita nella pagine interne di riviste lette prevalentemente – 95% – da un pubblico adulto. Anche in questo caso, come per le sponsorizzazioni, è difficile impedire che i figli possano essere raggiunti dalla pubblicità, ha affermato.

Ciò vale, a suo dire, anche per la possibilità concessa al personale itinerante di vendere prodotti a base di tabacco in luoghi accessibili anche a minorenni. Anche in questi casi è spesso ben visibile la pubblicità dei marchi di sigarette.

Prevenzione più urgente che mai

Mentre il Parlamento discute la revisione della legge sui prodotti del tabacco, il consumo di nicotina tra gli adolescenti continua ad aumentare senza freni, stando a Alexander Möller, pneumologo infantile dell’Ospedale universitario di Zurigo.

Nella pratica – ha affermato – osserviamo che sempre più fanciulli e adolescenti consumano puff bar e sigarette elettroniche, ma non si registra una significativa diminuzione nel consumo di sigarette tradizionali. Vediamo anche che questi fanciulli e adolescenti manifestano più sintomi respiratori, più tosse e una peggiore forma fisica.

Quanto prima i minori iniziano a consumare prodotti del tabacco e a base di nicotina, tanto più gravi sono gli effetti sulla salute e tanto più forte diventa la dipendenza. La protezione dei fanciulli e degli adolescenti dalla pubblicità del tabacco è quindi urgente, secondo lo specialista.

Attualità

bandiere in un viale

Altri sviluppi

Le spie vanno espulse sistematicamente

Questo contenuto è stato pubblicato al Il Consiglio degli Stati ha approvato lunedì una mozione che prevede di rafforzare i meccanismi di espulsione per gli agenti stranieri.

Di più Le spie vanno espulse sistematicamente
Tre donne prese di schiena in un centro federale d'accoglienza.

Altri sviluppi

Le donne afghane continueranno a ricevere asilo in Svizzera

Questo contenuto è stato pubblicato al Le donne afgane continueranno in linea di principio a ricevere asilo in Svizzera. La prassi attuale della Segreteria di Stato della migrazione (SEM) potrà essere sostanzialmente mantenuta.

Di più Le donne afghane continueranno a ricevere asilo in Svizzera
Un treno entra in una stazione di periferia.

Altri sviluppi

Mezzi pubblici regionali un po’ meno puntuali

Questo contenuto è stato pubblicato al Per l'insieme della Svizzera, il 94,46% dei treni è arrivato a destinazione con meno di tre minuti di ritardo rispetto all'orario stabilito, contro il 94,92% nell'anno precedente. Nel settore degli autobus, il numero delle corse puntuali si situa sotto la soglia del 90%.

Di più Mezzi pubblici regionali un po’ meno puntuali
Un cacciatore.

Altri sviluppi

Caccia alta nei Grigioni aperta anche ai lupi

Questo contenuto è stato pubblicato al L'abbattimento dei lupi nei Grigioni, a determinate condizioni, sarà estesa quest'autunno per la prima volta ai titolari delle patenti per la caccia alta.

Di più Caccia alta nei Grigioni aperta anche ai lupi
baume schneider su schermi durante discorso

Altri sviluppi

Baume-Schneider: “Al mondo serve un accordo anti-pandemia”

Questo contenuto è stato pubblicato al La consigliera federale e direttrice del Dipartimento federale dell'interno (DFI) Elisabeth Baume-Schneider ha invitato i membri dell'OMS a impegnarsi per un'intesa contro le pandemie.

Di più Baume-Schneider: “Al mondo serve un accordo anti-pandemia”

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Se volete segnalare errori fattuali, inviateci un’e-mail all’indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR