La televisione svizzera per l’Italia

Diritti umani, progressi in Svizzera ma restano alcune ombre

Manifestazione di Amnesty Internazional in centro a Berna in favore dei rifugiati.
Manifestazione di Amnesty Internazional in centro a Berna in favore dei rifugiati. KEYSTONE/© KEYSTONE / ANTHONY ANEX

Il rapporto annuale di Amnesty International critica Berna, in particolare per alcune limitazioni al diritto di manifestare e al diritto di ricongiungimento familiare delle e dei profughi.

Il rapporto annuale pubblicato mercoledì da Amnesty International (AI), che dal 1961 promuove il rispetto dei diritti umani ai sensi dell’ONU e si batte per prevenirne specifiche violazioni, dedica un capitoletto anche alla Confederazione in cui si evidenziano alcune luci e varie ombre.

L’organizzazione non governativa internazionale ha infatti certificato miglioramenti nella Confederazione ma segnala la persistenza di alcune lacune, in particolare in materia di libertà di manifestare o di rispetto dei diritti dei profughi, soprattutto di quelli minorenni.

Berna ha fatto i compiti

Tra le prime AI annovera la diffusa ostilità delle istituzioni al riconoscimento facciale automatico negli spazi pubblici. Nelle città di Zurigo, San Gallo e Losanna e nel Cantone di Basilea Città, i legislativi locali hanno adottato mozioni per queste limitazioni del diritto alla protezione della sfera privata. Mozioni analoghe sono in preparazione anche nei Comuni di Lucerna e Ginevra e nei Cantoni di Zurigo e Basilea Campagna.

+ Severe accuse di Amnesty alla Svizzera

Stupri sanzionati più severamente

A giudizio di Amnesty la Confederazione ha guadagnato posizioni anche con la modifica del Codice penale relativa alla violenza carnale adottata dalle Camere la scorsa estate.

In futuro sarà quindi reato anche un atto sessuale compiuto contro la volontà della vittima (maschio o femmina e non più unicamente donna), e non solo se realizzato con uso della forza, minaccia o coercizione come avvenuto finora.

Un moderato giudizio positivo viene espresso pure per la creazione – anche se “dopo 20 anni di preparazione” – dell’Istituzione svizzera per i diritti umani (ISDU).

+ Svizzera esortata a meglio proteggere donne e bambini migranti

Come si legge sul sito della Confederazione, l’ISDU, nata il 23 maggio, è un’entità indipendente che opererà con lo scopo enunciato nel suo nome, in collaborazione con le autorità federali, cantonali e comunali, oltre che con tutte le parti interessate. La cautela di AI è dovuta al fatto che, a suo dire, i finanziamenti destinati all’ISDU sono insufficienti e l’ente non è abilitato a ricevere denunce.

Iniziative popolari criticate

Ad Amnesty critica invece la riluttanza della Confederazione a garantire, come richiesto a Berna nell’esame periodico del Consiglio dei diritti umani dell’ONU, che le iniziative popolari siano pienamente compatibili con i diritti umani ai sensi delle Nazioni Unite prima di essere sottoposte al giudizio del corpo elettorale.

Dopo la recente sentenza della Corte europea dei diritti dell’uomo (CEDU) che ha condannato la Svizzera per violazione dei diritti umani a causa del suo insufficiente impegno in ambito ambientale, anche l’ong bacchetta la Confederazione, colpevole a suo dire di non aver attuato misure adeguate per eliminare tutti i combustibili fossili entro il 2030.

Diritto di manifestare minacciato

Un’altra fonte di critiche da parte di Amnesty sono i divieti temporanei di manifestare decisi in diverse città della Svizzera tedesca dall’inizio della guerra a Gaza.

In questo ambito viene denunciato espressamente il voto nel Canton Zurigo dello scorso 3 marzo, con cui il popolo ha accolto una norma che prevede che le dimostrazioni in pubblico dovranno essere sistematicamente sottoposte ad autorizzazione.

L’organizzazione deplora pure la lentezza nella creazione di un meccanismo indipendente in ogni Cantone per indagare e perseguire le accuse di violenza da parte della polizia e di violenza contro le persone in detenzione.

+ Amnesty elogia il “rapido sostegno” ai rifugiati ucraini in Svizzera

Ricongiungimenti difficili

Non da ultimo, sono numerose le violazioni dei diritti dei profughi e delle profughe rilevate da AI, che condanna, analogamente a quanto già fatto dalla CEDU, le difficoltà in materia di ricongiungimento famigliare per le persone ammesse temporaneamente in Svizzera.

Amnesty punta poi il dito contro il proseguimento di trasferimenti di richiedenti asilo in Croazia, nonostante le prove di rimpatri sommari e le gravi carenze del sistema di protezione internazionale in quel paese. Berna viene anche bocciata per l’inadeguata assistenza delle e dei minorenni non accompagnati nei centri federali d’asilo.

Attualità

insegna ubs al contrario

Altri sviluppi

Rimpasto ai vertici di UBS

Questo contenuto è stato pubblicato al La più grande banca elvetica ha deciso di apportare dei cambiamenti ai vertici, in particolare per quanto riguarda la gestione patrimoniale globale.

Di più Rimpasto ai vertici di UBS
Mascherine FFP2.

Altri sviluppi

Come il rivenditore di mascherine Emix fece pressioni sul Governo

Questo contenuto è stato pubblicato al Dei documenti pubblicati su ordine del Tribunale federale rivelano le pressioni esercitate sul Dipartimento federale della difesa, protezione della popolazione e dello sport dal rivenditore Emix, che aveva promesso mascherine statunitensi di alta qualità e consegnato prodotti cinesi.

Di più Come il rivenditore di mascherine Emix fece pressioni sul Governo
fotografia aerea dell'edificio principale del politecnico federale di zurigo

Altri sviluppi

Tasse triplicate nei politecnici federali per studenti stranieri

Questo contenuto è stato pubblicato al Studentesse e studenti stranieri che in futuro intendono frequentare i politecnici federali di Zurigo e Losanna potrebbero veder triplicate le loro tasse d'iscrizione.

Di più Tasse triplicate nei politecnici federali per studenti stranieri
uomo con passamontagna tiene un cappio

Altri sviluppi

Forte aumento delle esecuzioni capitali nel mondo

Questo contenuto è stato pubblicato al L'anno scorso il numero di esecuzioni nel mondo ha raggiunto il livello più alto dal 2015. Amnesty International ne ha contate 1'153, senza la Cina, che non fornisce cifre. La progressione più alta è stata registrata in Iran.

Di più Forte aumento delle esecuzioni capitali nel mondo
auto tra muraglioni di neve

Altri sviluppi

Riapre il passo del San Gottardo

Questo contenuto è stato pubblicato al La barriera sulla strada che porta ai 2'108 metri del valico tra il Ticino e Uri è stata sollevata alle 11:00 di mercoledì. L’apertura è stata posticipata a causa della neve.

Di più Riapre il passo del San Gottardo

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Se volete segnalare errori fattuali, inviateci un’e-mail all’indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR