La televisione svizzera per l’Italia

Severe accuse di Amnesty alla Svizzera

Protesta Amnesty di fronte al Parlamento.
Il rapporto sottolinea che la rapida assistenza fornita alle persone in fuga dall'Ucraina è in netto contrasto con le lacune normative applicate ai richiedenti asilo di altri Paesi. © Keystone / Anthony Anex

L'organizzazione sostiene che nella Confederazione c'è disparità di trattamento tra richiedenti asilo, il razzismo è sistemico e le misure per combattere il cambiamento climatico sono insufficienti.

Il razzismo è sistemico, il diritto all’aborto è minacciato e le misure adottate contro il riscaldamento globale sono insufficienti: queste sono alcune delle critiche mosse da Amnesty International (AI) alla Svizzera nel suo rapporto annualeCollegamento esterno pubblicato oggi.

Il servizio odierno del TG:

Contenuto esterno

Per quanto riguarda il razzismo, il Gruppo di lavoro delle Nazioni Unite sulle persone di origine africana, che ha visitato la Svizzera all’inizio del 2022, ha raccomandato, tra le altre cose, il divieto della profilazione razziale e ha sollecitato la creazione di organi di reclamo civili indipendenti che abbiano poteri di supervisione e disciplinari sulla polizia in ogni Cantone, ha dichiarato AI.

In occasione della sua visita in Svizzera, Amnesty ha riscontrato tracce di razzismo sistemico, soprattutto nell’ambito delle forze dell’ordine e del sistema giudiziario. Un caso esemplare è quello di Brian, noto alla stampa svizzera anche con il nome di “Carlos”, detenuto nel penitenziario Pöschwies di Regensdorf (nel canton Zurigo) che in un periodo è stato confinato 23 ore al giorno nella propria cella.

L’intervista del TG della RSI alla portavoce Sarah Rusconi:

Contenuto esterno

Diritto all’aborto, definizione di “stupro”

Il diritto all’aborto è minacciato. Sono in corso due iniziative popolari lanciate nel dicembre 2021 da membri dell’Unione democratica di centro (UDC, destra sovranista) con l’obiettivo di ostacolare l’accesso all’aborto. Questo è in pieno contrasto con quanto raccomandato dall’Organizzazione mondiale della sanità (OMS), che vorrebbe depenalizzare completamente l’aborto.

Il Parlamento non è ancora riuscito a trovare un’intesa sulla ridefinizione del concetto di “stupro”. A differenza del Consiglio nazionale, quello degli Stati non vuole basarsi sulla nozione del consenso. L’approccio “solo sì è sì” sarebbe quanto auspicato dal Comitato per l’eliminazione della discriminazione contro le donne dell’ONU, osserva Amnesty.

Clima: non si fa abbastanza

Dal rapporto annuale di AI emerge che la Svizzera non sta facendo abbastanza sul fronte del clima. Ad aprile è stato assegnato alla Grande camera della Corte europea dei diritti dell’uomo di Strasburgo il ricorso del comitato “Anziane per il clima Svizzera”, con cui esse denunciano il peggioramento della loro salute imputandone la causa alla mancata adozione delle misure necessarie contro il surriscaldamento globale da parte di Berna. In un primo momento avevano anche indetto una causa che però è stata respinta dal Tribunale federale (TF) svizzero.

Altri sviluppi

Inoltre, la proposta parlamentare di inserire nella legge l’obiettivo di zero emissioni nette entro il 2050 e di definire nuove misure per i vari settori è sospesa fino al voto popolare del prossimo 18 giugno.

Asilo

In relazione ai richiedenti d’asilo, AI sottolinea che la rapida assistenza fornita alle persone in fuga dal conflitto in Ucraina è in netto contrasto con le lacune normative applicate ai richiedenti asilo di altri Paesi che sono stati ammessi solo provvisoriamente.

A causa dell’arrivo dei rifugiati ucraini, i progetti per migliorare le condizioni di vita nei centri di asilo federali sono stati ritardati. Inoltre alcune persone sono state parzialmente ostacolate anche durante l’allontanamento dal Paese e i diritti dei bambini non sono stati considerati sufficientemente.

Anche i diritti di 1,8 milioni di persone con disabilità in Svizzera non sono sufficientemente rispettati. Come constatato dal relativo Comitato delle Nazioni Unite nel marzo 2022, la Svizzera ha violato tali diritti a causa della mancanza di una “strategia di attuazione esaustiva” della Convenzione sui diritti delle persone con disabilità.

Legge federale sulle attività informative

Il progetto di revisione della Legge federale sulle attività informative è stato fortemente criticato per l’intenzione di voler estendere i già ampi poteri dei servizi d’intelligence a scapito dei diritti umani fondamentali.

Infine, la Corte europea dei diritti dell’uomo si è pronunciata a favore della Comunità ginevrina d’azione sindacale (CGAS), che ha riscontrato una violazione del diritto alla libertà di riunione pacifica nel divieto per le manifestazioni imposto a causa della pandemia da coronavirus.

Attualità

gommone di migranti in mare

Altri sviluppi

I migranti vengono salvati (anche) da piloti svizzeri

Questo contenuto è stato pubblicato al Per i soccorsi dei e delle migranti in mare si ricorre alle navi, ma perché esse possano operare c'è bisogno di monitorare le acque e per queste operazioni si ricorre ad aerei ai cui comandi ci sono piloti svizzeri.

Di più I migranti vengono salvati (anche) da piloti svizzeri
hamas fatah

Altri sviluppi

Accordo tra Hamas e Fatah

Questo contenuto è stato pubblicato al Hamas e Fatah, i due principali movimenti palestinesi, da anni rivali, hanno annunciato un accordo di unità nazionale per il dopo-guerra. Israele, però, non ci sta.

Di più Accordo tra Hamas e Fatah
vista aerea zurigo al tramonto

Altri sviluppi

Singapore, città più sicura al mondo per viaggiatori, Zurigo quinta

Questo contenuto è stato pubblicato al La sicurezza è una preoccupazione importante, per chi viaggia, specialmente se donne e LGBTQ. Secondo una nuova classifica di Forbes Advisor, Zurigo è la quinta città più sicura al mondo

Di più Singapore, città più sicura al mondo per viaggiatori, Zurigo quinta

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Se volete segnalare errori fattuali, inviateci un’e-mail all’indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR