La televisione svizzera per l’Italia

Corona Leaks, Alain Berset “non sapeva”

alain berset pensieroso
Il direttore del DFI non sapeva delle indiscrezioni, ma non ha fatto nulla per fermarle. Keystone / Anthony Anex

Nel corso della pandemia Alain Berset ignorava che dal Dipartimento federale dell'interno (DFI) uscissero indiscrezioni sulle riunioni del Consiglio federale e in particolare sulle misure anti-Covid che il Governo si accingeva a mettere in vigore. Queste le conclusioni dell'indagine sui cosiddetti Corona Leaks.

Le indiscrezioni relative agli affari del Dipartimento federale dell’interno (DFI) e del Consiglio federale durante la pandemia di Covid-19 trapelate sono molte. Secondo un rapporto non vi sono però indizi che Alain Berset abbia commissionato queste rivelazioni.

L’indagine sui cosiddetti Corona-Leaks – che ha riguardato tutte le “soffiate” provenienti dal Consiglio federale e dall’amministrazione – è stata condotta da un gruppo di lavoro di sei persone istituito a gennaio dalle Commissioni della gestione (CdG) del Parlamento. I risultati sono stati presentati venerdì a Berna.

Nel loro lavoro le CdG si sono rigidamente attenute alla separazione dei poteri, rinunciando a chiedere gli atti ancora sigillati del Tribunale dei provvedimenti coercitivi, è stato precisato dagli oratori. Al momento dell’indagine diversi documenti erano peraltro già stati distrutti – in particolare l’ex responsabile delle comunicazioni di Berset, Peter Lauener, aveva cancellato le sue email private – o comunque non erano più disponibili.

Le fonti si sono rivelate estremamente lacunose. In generale le CdG hanno constatato che le indiscrezioni “hanno portato a una perdita di fiducia in seno al Consiglio federale, con ripercussioni concrete sui suoi processi decisionali”.

Fuoriuscita continua di informazioni

Il rapporto presentato venerdì conferma che gli affari del Consiglio federale sono stati regolarmente oggetto di indiscrezioni: diversi media disponevano con particolare frequenza di informazioni classificate e le diffondevano. Cosa certa – secondo i relatori – è che il CEO di Ringier AG, Marc Walder, abbia ricevuto informazioni classificate come riservate da Peter Lauener. La valutazione della copertura mediatica tuttavia “non ha rivelato alcuna indicazione dell’uso delle informazioni trasmesse nel servizio”.

Contenuto esterno

Berset era, sì, a conoscenza di questi scambi, ma non sono stati trovati indizi del fatto che fosse al corrente del loro contenuto. “Giuridicamente parlando – ha precisato il liberal-radicale neocastellano Philippe Bauer, presidente della CdG del Consiglio degli Stati (la Camera alta del Parlamento) e del gruppo di lavoro – non è stato possibile stabilire il legame di causalità tra l’indiscrezione e il risultato pubblicato nei media. La nostra conclusione è che Berset non sapeva e non ha mentito al Consiglio federale”.

Tuttavia per le CdG è difficile capire perché il ministro della salute, a conoscenza di questi contatti e delle numerose e ripetute indiscrezioni riguardanti gli affari del suo dipartimento, non abbia adottato alcuna misura specifica. Nel loro rapporto scrivono che vi è l’impressione che presso il DFI “informazioni classificate o non pubbliche fossero trattate con leggerezza”.

Migliaia di articoli

Il lavoro del gruppo di lavoro è stato certosino: gli articoli pubblicati nel periodo in rassegna sono stati migliaia. Il focus è stato posto su quelli relativi alle 50 sedute del Governo tenutesi nella fase calda della pandemia pubblicati dai media stampati. È emerso che gli articoli redatti sulla base di soffiate erano circa 200, riguardanti 38 delle 50 sedute del Consiglio federale: solo 12 riunioni sono risultate “incontaminate”.

Le indiscrezioni possono essere classificate in tre ondate principali: marzo 2020 (prima fase della pandemia), dicembre 2020 (seconda ondata) e settembre 2021 (introduzione dei certificati Covid), ha precisato il consigliere nazionale democentrista (destra conservatrice) basilese Thomas de Courten, membro del gruppo.

Sono stati soprattutto i media in lingua tedesca, in particolare dei gruppi Ringier e Tamedia, a trarre vantaggio dalle indiscrezioni dell’amministrazione federale e a ottenere informazioni riservate. Blick, SonntagsBlick, Tages-Anzeiger e SonntagsZeitung hanno infatti pubblicato ciascuno circa una sessantina di articoli basati su indiscrezioni; mentre per la Svizzera italiana l’appendice al rapporto menziona solo una manciata di articoli del Corriere del Ticino e de laRegione.

Esecutivo troppo lento nel reagire

Oltre a ciò il gruppo ha visionato per quanto possibile le email professionali e private di numerose persone, tra cui Berset e Lauener. “Abbiamo voluto mantenere le cose proporzionate. Non è possibile controllare tutti gli indirizzi email privati e pubblici di tutti coloro che potrebbero essere stati coinvolti nella vicenda”, ha precisato Bauer.

Le CdG si rammaricano che, nonostante la perdita di fiducia chiaramente percettibile in seguito alle numerose indiscrezioni trapelate durante la pandemia, il Consiglio federale abbia affrontato la questione solo nel gennaio 2023. Nel rapporto pubblicato venerdì rivolgono quindi nove raccomandazioni al Governo, il quale dovrà presentare il suo parere entro il 2 febbraio 2024.

Attualità

La foto di rito di tutti i leader presenti al G7 con al centro Papa Francesco.

Altri sviluppi

Un Papa per la prima volta al vertice del G7

Questo contenuto è stato pubblicato al Per la prima volta di un Pontefice partecipa a questo vertice. L'accoglienza è calorosa non solo da parte della premier italiana Giorgia Meloni - "è un momento storico, non ringrazierò mai abbastanza Sua Santità per essere qui" - ma da tutti i Grandi della Terra.

Di più Un Papa per la prima volta al vertice del G7
Raphael Glucksmann.

Altri sviluppi

In Francia la sinistra si unisce per combattere l’estrema destra

Questo contenuto è stato pubblicato al Raphael Glucksmann che ha rilanciato il Partito socialista con il suo movimento Place Publique ritiene che l'unico modo per fermare il Rassemblement National sia la craezione di un'unione di sinistra.

Di più In Francia la sinistra si unisce per combattere l’estrema destra
Una postina svizzera.

Altri sviluppi

Per risparmiare la Posta consegnerà lettere e pacchi in ritardo

Questo contenuto è stato pubblicato al Per risparmiare il Consiglio federale propone che solo il 90% delle lettere e dei pacchi venga consegnato per tempo dalla Posta. Inoltre, si vuole abolire l'obbligo di consegna nelle case abitate tutto l'anno.

Di più Per risparmiare la Posta consegnerà lettere e pacchi in ritardo
La cascata della Piumogna a Faido.

Altri sviluppi

Attenti al fiume Ticino e alle sue possibili improvvise piene

Questo contenuto è stato pubblicato al La portata del fiume Ticino e dei suoi affluenti in Leventina, tra Airolo e Personico, potranno subire delle importanti variazioni durante l’intero arco delle 24 ore. L'Azienda elettrica ticinese invita la popolazione alla prudenza. 

Di più Attenti al fiume Ticino e alle sue possibili improvvise piene
bambina si lava le mani all'asilo

Altri sviluppi

“No” del Consiglio federale all’iniziativa sugli asili nido

Questo contenuto è stato pubblicato al Il Governo ha respinto un'iniziativa lanciata lo scorso anno dal Partito socialista "Per una custodia di bambini complementare alla famiglia che sia di qualità e a prezzi abbordabili per tutti".

Di più “No” del Consiglio federale all’iniziativa sugli asili nido
scritta 5000 davanti a palazzo federale

Altri sviluppi

“Almeno 5’000 franchi al mese per le lavoratrici”

Questo contenuto è stato pubblicato al Un salario minimo di 5'000 franchi al mese per le donne: è la rivendicazione del sindacato UNIA in occasione dell'odierna giornata dello sciopero delle donne.

Di più “Almeno 5’000 franchi al mese per le lavoratrici”
uomo fa volare un drone in una stanza

Altri sviluppi

Presto in Svizzera uno spazio aereo per droni

Questo contenuto è stato pubblicato al Il Consiglio federale ha approvato una revisione delle ordinanze sull'aviazione civile che permetteranno di creare uno spazio aereo U-Space per i droni, sempre più diffusi.

Di più Presto in Svizzera uno spazio aereo per droni
palazzo federale

Altri sviluppi

Dal Nazionale, un “no” e quattro “sì”

Questo contenuto è stato pubblicato al Il Consiglio nazionale ha respinto le misure d'internamento automatico per gli autori recidivi di reati efferati.

Di più Dal Nazionale, un “no” e quattro “sì”
elon musk

Altri sviluppi

Un compenso da 56 miliardi di dollari per Elon Musk

Questo contenuto è stato pubblicato al L'anno prossimo il CEO di Tesla Elon Musk potrebbe ricevere un compenso di circa 56 miliardi di dollari, una cifra da record, mai raggiunta da nessun amministratore delegato nella storia.

Di più Un compenso da 56 miliardi di dollari per Elon Musk
logo flowbank

Altri sviluppi

La banca svizzera FlowBank fallisce

Questo contenuto è stato pubblicato al L'autorità di vigilanza sul mercato finanziario in Svizzera (FINMA) ha ordinato il fallimento di FlowBank, giovane banca ginevrina attiva da soli quattro anni specializzata nelle operazioni di trading online.

Di più La banca svizzera FlowBank fallisce

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Se volete segnalare errori fattuali, inviateci un’e-mail all’indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR