La televisione svizzera per l’Italia

Cielo azzurro al corteo per il clima a Berna

La Piazza federale di Berna alla fine della manifestazione, il 30 settembre.
La Piazza federale di Berna alla fine della manifestazione, il 30 settembre. Keystone / Marcel Bieri

Circa 60'000 persone - secondo il comitato organizzatore - hanno partecipato alla manifestazione nazionale in favore del clima. L'azione è stata indetta da un centinaio di organizzazioni sotto il motto "Agire ora!".

La giornata è iniziata con un corteo, seguito da una serie di discorsi nella Piazza federale. Nel suo intervento Simon Berthoud, responsabile per la comunicazione dell’Alleanza climatica, ha denunciato la passività del Parlamento: “questa settimana – ha affermato – il Consiglio degli Stati ha annacquato in modo irriconoscibile la proposta del Consiglio federale di revisione della legge sul CO2, che era già molto inefficace”. Per questo motivo “nuove elezioni sono più che necessarie”, afferma, citato in una nota.

“L’inazione delle persone in politica qui nella Berna federale e nei Cantoni è già costata migliaia di vite”, ha sostenuto Bea Albermann, medico e rappresentante di Salute per il futuro. “L’aria è inquinata, le ondate di calore sono sempre più lunghe e gli eventi climatici sono sempre più estremi”, ha dichiarato.

Alleanza Clima Svizzera, in un comunicato, chiede l’adozione di misure di “giustizia climatica”, perché “la crisi climatica aggrava le disuguaglianze già esistenti a livello globale. I Paesi del Nord del mondo sono la causa della crisi, nonostante le conseguenze più gravi colpiscano le popolazioni dei Paesi del Sud”, ha detto. 

Quella odierna era l’ultima data disponibile per una grande manifestazione nella Piazza federale prima delle elezioni del 22 ottobre. Le autorità comunali hanno già fatto sapere che non autorizzeranno altre manifestazioni: si tratta di una pratica già seguita negli anni elettorali 2011, 2015 e 2019.

Il servizio del Telegiornale della Radiotelevisione svizzera di lingua italiana RSI: 

Contenuto esterno


Attualità

Traffico veicolare in una città svizzera.

Altri sviluppi

Radar anti-rumore a Ginevra

Questo contenuto è stato pubblicato al La Confederazione ha testato lo scorso anno nella città di Calvino alcuni nuovi apparecchi, nell'ambito di un progetto pilota che ha lo scopo di sanzionare in modo più efficace il rumore eccessivo sulle strade.

Di più Radar anti-rumore a Ginevra
prigionieri di guerra salgono su un bus.

Altri sviluppi

Scambio di prigionieri tra Mosca e Kiev

Questo contenuto è stato pubblicato al Russia e Ucraina hanno liberato 95 prigionieri di guerra a testa, a meno di un mese dal precedente scambio.

Di più Scambio di prigionieri tra Mosca e Kiev
La capsula Sarco per l'eutanasia assistita.

Altri sviluppi

Capsula per suicidio Sarco: primo impiego entro l’anno

Questo contenuto è stato pubblicato al Una nuova associazione di aiuto al suicidio, The Last Resort, ha presentato ufficialmente oggi la capsula per suicidio Sarco. Ma polemiche e dubbi non mancano.

Di più Capsula per suicidio Sarco: primo impiego entro l’anno
Veduta del piccolo villaggio di Chaux-du-Milieu

Altri sviluppi

“Troppi bimbi”, stop alle nuove famiglie a Chaux-du-Milieu

Questo contenuto è stato pubblicato al Il piccolo comune neocastellano ha deciso di porre un freno all'arrivo di nuove famiglie sul suo territorio poiché la presenza di molti bambini e bambine sta creando insolubili problemi alle casse pubbliche.

Di più “Troppi bimbi”, stop alle nuove famiglie a Chaux-du-Milieu
Area Schengen in un aeroporto UE.

Altri sviluppi

Frontiere Schengen, 300 milioni dalla Svizzera

Questo contenuto è stato pubblicato al La dotazione globale del fondo per il presidio dei confini UE è di 6,2 miliardi di euro, di cui una cinquantina torneranno nella Confederazione per l'implementazione dei nuovi sistemi di informazione e scambio dati.

Di più Frontiere Schengen, 300 milioni dalla Svizzera
confezioni wegovy ozempic e mounjaro

Altri sviluppi

Iniezioni dimagranti, attesi costi per centinaia di milioni

Questo contenuto è stato pubblicato al Il clamore e la curiosità attorno alle iniezioni per la perdita di peso, destinate in primis ai diabetici, stanno facendo lievitare enormemente i costi sanitari.

Di più Iniezioni dimagranti, attesi costi per centinaia di milioni

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Se volete segnalare errori fattuali, inviateci un’e-mail all’indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR