Navigation

Campagna nazionale sulla cibercriminalità

La nostra sicurezza è messa quotidianamente a dura prova anche sono semplicei email. Keystone / Nicolas Armer

La sicurezza informatica diventa sempre piu importante in un mondo digitale. E il numero di ciberattacchi via e-mail o Messenger sta aumentando. Al fine di sensibilizzare la popolazione il Centro nazionale per la cibersicurezza (NCSC) ha lanciato oggi una campagna sul tema nazionale denominata "S-U-P-E-R".

Questo contenuto è stato pubblicato il 05 settembre 2022 - 14:30
tvsvizzera.it/fra con Keystone-ATS

I ciberattacchi sono perpetrati perlopiù via e-mail o tramite messaggi inviati con i servizi di messaggistica. I cibercriminali cercano di trarre in inganno le loro vittime promettendo cospicui guadagni, prospettando un'eredità di una persona sconosciuta o fingendo che il computer sia stato violato.

Gli autori spesso sfruttano aspetti psicologici come la paura e la fretta o approfittano del fatto che i destinatari sono distratti o hanno poco tempo, ricorda il Centro nazionale per la cibersicurezza.

Un'azione apparentemente innocua, come cliccare su un link o aprire un allegato, può causare danni considerevoli. A volte vengono richiesti i dati della carta di credito, che poi vengono utilizzati in maniera impropria, oppure viene installato un malware per criptare e rubare i dati. 

Contenuto esterno

Come difendersi

Prestando la dovuta attenzione è possibile riconoscere rapidamente un messaggio fraudolento ed evitare il peggio. Esistono diversi indizi e approcci che segnalano un ciberattacco. 

Da lunedì 5 settembre e fino al 16 ottobre, l'NCSC e la Prevenzione svizzera della criminalità (PSC), in collaborazione con i corpi di polizia cantonali e comunali, lanciano una campagna per spiegare alla popolazione come riconoscere i messaggi fraudolenti. Le informazioni più importanti sono disponibili sul sito web della campagna S-U-P-E-R.chLink esterno.

Le caratteristiche dei messaggi fraudolenti sono illustrate con esempi concreti e un quiz permetterà di verificare le conoscenze acquisite. Inoltre, i contenuti della campagna saranno diffusi tramite manifesti e sui social media.


I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?