Camere federali Il lavoro ridotto non preclude i dividendi

Di Marie Vuilleumier
Mazzette di banconote (si intuisce franchi) una sopra l altra.

I dividendi possono essere versati anche dalle aziende che hanno fatto ricorso al lavoro a tempo parziale.

© Keystone / Ti-press / Alessandro Crinari

Nessun nuovo vincolo per le aziende svizzere che ricorrono al lavoro a orario ridotto per reggere alla crisi innescata dal coronavirus. Il Consiglio nazionale (camera bassa del parlamento) voleva proibire loro di pagare i dividendi, ma il Consiglio degli Stati (camera alta) ha definitivamente insabbiato questa proposta.

La crisi economica causata dalla pandemia di coronavirus sta portando le aziende svizzere a ricorrere massicciamente al lavoro ridottoLink esterno. Circa 1,9 milioni di lavoratori, che corrispondono a un terzo della popolazione attiva del paese, stanno attualmente sperimentando la disoccupazione parziale.

In questo contesto, il pagamento dei dividendi da parte delle aziende che beneficiano del lavoro ridotto ha sconvolto molti parlamentari, riuniti questa settimana a Berna in una sessione speciale Covid-19. Martedì, il Consiglio nazionale ha accolto con 93 voti favorevoli, 88 contrari e 11 astenuti una mozioneLink esterno per vietare alle aziende che ricevono un compenso per la riduzione dell'orario di lavoro di pagare i dividendi durante l'anno in corso e l'anno prossimo. Ma il Consiglio degli Stati, mercoledì, ha cassato definitivamente questa idea con 31 voti a favore, 10 contrari e un'astensione.

Per la maggioranza della camera bassa, una via d'uscita dalla crisi è possibile solo se tutti danno il loro contributo. "In questi tempi difficili, socializzare le perdite e privatizzare i profitti ci sembra indecente", ha detto la deputata socialista Mattea Meyer. Il lavoro a orario ridotto non dovrebbe essere utilizzato per garantire profitti privati".

La reazione degli ambienti economici

Il voto alla Camera ha generato uno tsunami negli ambienti economici, che hanno messo sotto pressione il Senato per correggere questa decisione. "Tra ieri e oggi siamo stati travolti da un'ondata di reazioni da parte delle organizzazioni dei datori di lavoro", ha detto il consigliere agli Stati socialista Paul Rechsteiner.

"In questi tempi difficili, socializzare le perdite e privatizzare i profitti ci sembra indecente".

Mattea Meyer, PS

Fine della citazione

Per l'Associazione svizzera dei datori di lavoro (UPSLink esterno), un divieto di pagamento dei dividendi costituirebbe un'intrusione dello Stato nel modo di operare delle imprese e una violazione della libertà economica garantita dalla Costituzione. "Questo approccio è in contrasto con l'obiettivo del lavoro a orario ridotto, che è quello di preservare i posti di lavoro, in quanto potrebbe portare a licenziamenti", spiega Marco Taddei, responsabile dell'UPS nella Svizzera romanda. E la riduzione dell'orario di lavoro non è un sussidio, ma una polizza assicurativa. Le aziende hanno contribuito, non è un regalo".

Questa opinione non è condivisa dalla maggioranza del Consiglio nazionale, che ha sottolineato che la Confederazione verserà 6 miliardi di franchi all'Assicurazione contro la disoccupazioneLink esterno per evitare un aumento dei contributi dovuto alla crisi. "Le aziende beneficeranno di questo denaro, quindi è giustificato che rinuncino ai dividendi in cambio", ha detto Mattea Meyer.

Dividendi per buoni risultati

Tra le grandi aziende che hanno deciso di pagare i dividendi beneficiando del lavoro a orario ridotto ci sono il produttore di cemento LafargeHolcim, il gruppo orologiero Swatch e il fornitore automobilistico Georg Fischer. Tutti e tre hanno indicato di aver basato la loro decisione di remunerare i loro azionisti, nonostante tutto, sui loro buoni risultati finanziari per il 2019. Swatch Group precisa che i dividendi sono stati ridotti del 30% rispetto al 2018 "in virtù di un elementare principio di prudenza per quanto riguarda i mezzi finanziari della società". LafargeHolcim ha aggiunto di essere riuscita a ridurre i costi fissi durante la crisi e di avere quindi poco ricorso al lavoro a orario ridotto.

"Ciò è in contrasto con l'obiettivo di lavorare a orario ridotto per preservare i posti di lavoro, poiché può portare a licenziamenti"

Marco Taddei, UPS

Fine della citazione

Swatch Group considera la riduzione dell'orario di lavoro come una polizza assicurativa, finanziata sia dal datore di lavoro che dal dipendente: "Negli ultimi vent'anni, Swatch Group ha contribuito a questa polizza assicurativa per diverse centinaia di milioni di franchi e ne ha fatto uso solo in rarissime occasioni". I dipendenti che subiscono una riduzione dell'orario di lavoro ricevono l'80% del loro stipendio, pagato dall'assicurazione contro la disoccupazione. Swatch Group sottolinea di essersi impegnato a pagare il restante 20%.

La maggioranza del Consiglio degli Stati si è infine dichiarata d'accordo con le argomentazioni degli imprenditori e con il parere del governo, anch'esso contrario a qualsiasi divieto. "Sarebbe controproducente costringere le aziende a scegliere tra il lavoro a orario ridotto e il pagamento dei dividendi", ha detto il ministro dell'Economia Guy Parmelin. E creerebbe più insicurezza in questo periodo di crisi".

Strumento ideale in tempi di crisi

I membri di entrambe le camere sono d'accordo su un punto: il lavoro a orario ridotto è uno strumento molto efficace che ha dimostrato la sua validità. Dopo la crisi finanziaria del 2009, uno studioLink esterno condotto dal Centro di ricerca economica (KOFLink esterno) del Politecnico federale di Zurigo ha dimostrato che la riduzione dell'orario di lavoro può prevenire efficacemente i licenziamenti a breve e lungo termine.

"Durante l'ultima crisi, il tasso di disoccupazione in Svizzera sarebbe stato di 0,5 punti percentuali superiore se questo strumento non fosse stato utilizzato", afferma Michael Siegenthaler, responsabile della sezione del mercato del lavoro svizzero presso KOF. Nella crisi attuale, in cui venti volte più aziende hanno fatto ricorso al lavoro a orario ridotto, si può stimare che il tasso di disoccupazione avrebbe già raggiunto il 10% se non avessimo avuto questo strumento".

"Si può stimare che il tasso di disoccupazione sarebbe già del 10% senza il lavoro a orario ridotto".

Michael Siegenthaler, KOF

Fine della citazione

"La situazione oggi è particolare perché riguarda l'economia nel suo complesso. Quasi tutti i settori sono direttamente interessati", osserva Michael Siegenthaler. "Penso che questa sia una sistemazione perfetta per il lavoro a orario ridotto, perché vogliamo congelare l'economia e rimetterla in carreggiata una volta superata la crisi". A condizione che la crisi sia temporanea, perché il lavoro a orario ridotto è destinato ad essere relativamente breve.

"In alcuni settori sembra che sarà così", dice il ricercatore KOF, "ma in altri il crollo potrebbe essere permanente, ad esempio i trasporti. È possibile che a causa della paura del coronavirus, molte persone evitino il trasporto pubblico per mesi o addirittura anni". In alcune aziende possono essere inevitabili grandi ristrutturazioni, con licenziamenti.

Tuttavia, è molto difficile fare proiezioni, poiché l'evoluzione della pandemia rimane incerta. "La speranza è che avremo un modello di recessione a V, per il quale il lavoro a tempo ridotto è lo strumento migliore a nostra disposizione", conclude Michael Siegenthaler.